Covid. Per Bankitalia la ripresa non sarà facile: “più lenta di quanto previsto”

“La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto.”

E’ iniziato così l’intervento con il quale il capo del dipartimento Economia e statistica della Banca d’Italia, Eugenio Gaiotti, ha evidenziato, dinnanzi alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato, tutte le perplessità dell’istituto in merito alla ripresa economica italiana post Covid-19.

Gaiotti ha poi indicato come per il IV trimestre 2020 sia verosimile pensare ad una possibile flessione del Pil che comunque dovrebbe essere molto meno marcata rispetto a quella della scorsa primavera e come sia probabile che il risultato finale sia in linea con le previsioni e le stime dello scorso ottobre.

Come riporta ANSA, l’emissario della Banca d’Italia ha specificato inoltre come i risultati delle riforme e dei progetti d’investimento dipenderanno in larga parte da come verranno definiti concretamente “nell’ambito del Piano nazionale di rilancio e resilienza e dalla loro attuazione tempestiva”. Solo evitando sprechi, inefficienze, ritardi e ponendo molta attenzione alla fase attuativa si potranno avere risvolti positivi.

“Come abbiamo sottolineato più volte, il programma Next Generation EU è un’occasione da non perdere per rilanciare la crescita e la produttività dell’economia italiana” ha infine concluso il capo del dipartimento Economia e statistica della Banca d’Italia, Eugenio Gaiotti.