Natale, Confermato stop a spostamenti. Salvini non ci sta: “Un conto è avere prudenza, altro dividere gli italiani”

Nella tarda serata di ieri, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il dl sugli spostamenti che limiterà gli spostamenti degli italiani durante l’intero periodo natalizio, confermando la linea dura ventilata dal Governo nelle ultime settimane.

Nello specifico, il decreto legge prevede che vengano impediti gli spostamenti tra le regioni e il raggiungimento delle seconde case tra il 21 dicembre e il 6 gennaio. Non solo, tra le varie, il Governo ha confermato la divisione dell’Italia in 3 fasce e ha ulteriormente inasprito le norme per la notte di Capodanno, disponendo l’estensione del coprifuoco, non più fino alle 5 di mattina ma bensì fino alle 7.

In attesa che il nuovo Dpcm venga firmato, la conferma di queste limitazioni, ha diviso l’opinione pubblica italiana. Tra i contrari a questo “Natale blindato”, spicca il leader della Lega, Matteo Salvini, che a margine di un incontro pubblico, non ha trattenuto il proprio dissenso sull’ultima manovra.

“Ho un’idea pessima del nuovo Dpcm. Nessuno pretende di fare veglioni con 300 persone, ma almeno a Natale bisogna stare con i propri figli e i propri genitori” ha tuonato Salvini.

Il Capitano della Lega ha poi ricordato come un conto sia avere prudenza, un altro sia voler dividere gli italiani, chiudendoli in casa anche in giornate che, per tradizione, sono dedicate alla famiglia e alla gioia.

“Fare muri di paese in paese, di famiglia in famiglia, mi sembra assurdo” ha poi concluso Matteo Salvini.