Covid. Le misure adottate dal Governo italiano sembrano aver “fatto scuola” alla Merkel

Sono passati pochi giorni da quando il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è intervenuto a reti unificate per parlare alla nazione delle misure decise dal Governo per fronteggiare l’emergenza coronavirus durante il periodo delle vacanze natalizie. 

Sebbene in Italia, anche grazie alle norme restrittive, la situazione sia nettamente migliorata rispetto ai mesi scorsi, con la curva dei contagi e l’indice Rt tornati a decrescere, l’esecutivo ha optato per mantenere la linea dura e varare misure che porteranno, non senza polemiche, ad avere un “vero e proprio Natale blindato”

Nonostante le polemiche, le misure adottate dal Governo italiano sembrano aver “fatto scuola” anche nei paesi vicini, è notizia di poche ore fa infatti di come la Cancelliera tedesca, Angela Merkel, per bocca del proprio portavoce, Steffen Seibert, sia molto preoccupata dell’andamento dei contagi in terra tedesca e sia pronta a raccomandare al proprio popolo di avere molta prudenza in queste vacanze di Natale. 

Siebert, commentando i risultati del Robert Koch Institut che ha evidenziato come il numero dei positivi sia preoccupatemene molto alto e in aumento, ha affermato come sia corretto che le Regioni tedesche maggiormente colpite rafforzino le proprie misure restrittive. 

Non solo, il portavoce di Angela Merkel ha invitato i tedeschi a mantenere alta la concentrazione e a ridurre al minimo i contatti, aggiungendo come il Governo non stia sottostimando la situazione e come sia comunque molto attento all’evoluzione della pandemia in questa seconda ondata, ritenuta “più dolorosa e dura” della precedente. 

Queste dichiarazioni arrivano in concomitanza con quelle del ministro dell’Economia tedesco, Peter Altmaier, che ha evidenziato una situazione ancora più preoccupante, affermando come le misure adottate sino ad oggi non bastino e come il numero dei nuovi positivi “sia ben lontano” dalle loro aspettative.