Il Gruppo Pro-Gest annuncia nuove emissioni di obbligazioni per un ammontare totale fino a 200 milioni

Il Gruppo Pro-Gest, primo produttore in Italia verticalmente integrato di carta riciclata, cartone ondulato e soluzioni di imballaggio con fatturato di oltre 450 milioni di euro e circa 1.200 dipendenti in 29 siti produttivi annuncia che ieri si è chiusa con successo l’operazione riguardante l’emissione da parte delle società controllate Cartiere Villa Lagarina S.p.A. e Tolentino S.p.A. di obbligazioni per un ammontare complessivo pari a 125 milioni di euro sottoscritte dalla piattaforma Global Credit di Carlyle.

A completamento dell’operazione, la piattaforma Global Credit di Carlyle si è ulteriormente impegnata a sottoscrivere obbligazioni aggiuntive, da emettersi entro il 2021 da parte di un’altra società controllata, Cartitalia S.r.l., per un ulteriore ammontare sino ad un massimo di 75 milioni di euro.

Bruno Zago, fondatore del Gruppo nel 1973 e protagonista del suo sviluppo, ha commentato: “L’operazione dà inizio ad una nuova era per il Gruppo Pro-Gest. Grazie alla rinforzata struttura del capitale, il Gruppo è pronto per accelerare il percorso di sviluppo e beneficiare dei trend di crescita strutturale dell’industria della carta, in particolar modo con il riavvio della Cartiera di Mantova. A valle di un percorso di lavoro con i miei figli iniziato ormai da qualche anno, sono lieto di annunciare che Francesco diventerà il nuovo Amministratore Delegato del Gruppo a partire dal 2021. Abbiamo anche potenziato tutto il Management Team, tramite assunzioni mirate e rafforzeremo il Consiglio di Amministrazione per supportare le aziende nello sviluppo“.

Francesco Zago ha commentato: “Sono onorato di ricevere tale incarico da mio padre, che è sempre stato la mia ispirazione e il mio esempio. La mia ambizione è continuare lo sviluppo del nostro Gruppo, lavorando insieme alle mie tre sorelle Benedetta, Valentina e Alessandra: le prime due alla guida rispettivamente delle importanti business unit del packaging industria-ortofrutta e quello del takeaway e bags; la terza in qualità di responsabile degli approvvigionamenti internazionali. Intendo infatti continuare a confermare la forza della Famiglia, che ha sempre operato con solide fondamenta e che si avvale di un Management Team qualificato e in fase di ulteriore rafforzamento. Abbiamo fatto investimenti per 500 milioni di euro negli ultimi 5 anni, fra cui la nostra Cartiera ammiraglia a Mantova e siamo ben posizionati per raccogliere i frutti di questi investimenti e per crescere ancora, raggiungendo i traguardi fissati dal business plan, e per permettere al Gruppo di competere con i leader internazionali sia nella performance economico-finanziaria, che nella qualità della organizzazione. Il successo di questa operazione con interlocutori dal calibro mondiale conferma la valenza del nostro progetto di sviluppo ed è generato dalle capacità della Famiglia nel raggiungere gli obiettivi“.

Francesco Zago ha aggiunto: “Per raggiungere le nostre ambizioni di crescita, continueremo a rafforzare il Gruppo con assunzioni strategiche e mirate, come avvenuto quest’anno con Paolo Fregolent quale nuovo CFO di Gruppo e con Silvano Storer quale Advisor del Consiglio di Amministrazione in materia finanziaria e strategica“.

Silvano Storer, che è stato ora nominato Business Plan Implementation Manager, ha aggiunto: “L’operazione creerà una semplificazione ed una significativa flessibilità finanziaria per il Gruppo. La prima emissione di 125 milioni di euro con scadenza a 5 anni è stata utilizzata per rimborsare quasi tutte le linee di credito amortizing in essere, mentre la seconda emissione fino a 75 milioni di euro, prevista per il 2021, sarà utilizzata per fornire liquidità a supporto della crescita del Gruppo, come pianificato nel nostro business plan, creando in tal modo le premesse per un sensibile miglioramento della leva finanziaria“. Il Business Plan Implementation Manager riporterà al CEO e al Consiglio di Amministrazione.

A seguito di tale operazione, il Gruppo espanderà il Consiglio di Amministrazione dagli attuali cinque amministratori (Bruno Zago, Francesco Zago, Anna Maria Gasparini, Benedetta Zago e Valentina Zago) a nove membri. Saranno nominati entro il primo trimestre 2021 Alessandra Zago, Silvano Storer e due amministratori indipendenti, a far parte del Consiglio di Amministrazione, che sarà diretto dal Presidente Bruno Zago e da Anna Maria Gasparini quale nuovo Vice Presidente.

Bruno Zago ha aggiunto: “Nonostante il 2020 sia stato un anno difficile sotto molti aspetti, siamo soddisfatti del buon lavoro fatto durante questo anno, che ci ha permesso di raggiungere gli obiettivi prefissati nel nostro piano. E ciò anche per l’effetto positivo del nostro posizionamento competitivo orientato verso i consumi dei mercati più resilienti agli impatti della pandemia, quali quelli collegati al food & beverage. Entrando nel 2021, ci aspettiamo una continuazione del trend positivo nel nostro core business, che sarà ulteriormente rafforzato dal contributo derivante dalla ripartenza della Cartiera di Mantova“.

Nell’emissione delle obbligazioni, Pro-Gest è stata assistita da Credit Suisse (Sole Financial Advisor e Placement Agent), Latham & Watkins (Legal Advisor), Bain & Company (Due Diligence), Ernst & Young (Due Diligence) e Banca Finint (Paying Agent, Security Agent, Issuing Agent e Rappresentante comune degli obbligazionisti).