Guido Scalet: muore il simbolo delle ACLI di Primiero

Un grande velo di tristezza oggi è calato su tutto Primiero con la notizia della prematura scomparsa di Guido Scalet. Particolarmente colpite le Acli di Primiero, Vanoi e Mis dove Guido ha svolto il ruolo di responsabile del Patronato dal 1982 al 2017. Era subentrato a Luigi Zortea, ma da sempre era impegnato anche nel movimento aclista dove ha saputo portare un suo prezioso contributo e per questo a Primiero era conosciuto da tutti come il “Guido delle Acli”.Nel ruolo di addetto sociale Guido ha dimostrato competenza e serietà, sapeva ascoltare tutti con la stessa attenzione, guadagnandosi stima e fiducia da parte degli utenti e diventando per loro un punto di riferimento sicuro.Il lavoro gli consentiva di essere un osservatore attento della realtà sociale di Primiero e di farsi carico di tanti bisogni dei cittadini e del territorio.Dopo il pensionamento, come volontario, Guido ha garantito la presenza e la sua professionalità nei vari recapiti di zona dei servizi delle Acli (Vanoi, Mezzano, Imer e Sagron Mis): un modo per garantire un servizio anche alle persone più sole e, spesso, anziane del territorio. Ciò ha contribuito a far conoscere ancora di più il movimento aclista sul territorio oltre che a far sentire più vicina la periferia.Da qualche anno era presidente del Circolo Attilio Rigotti, sodalizio che promuove attività ricreative. Oltre ai molteplici impegni nelle Acli, Guido era coinvolto in altri ambiti quali il Coro Sass Maor e in passato anche come amministratore comunale e della Cassa Rurale.Le Acli di Primiero Vanoi e Mis sentono già forte la mancanza di Guido e si impegnano fin d’ora nella promozione di adeguate iniziative che avranno modo di ricordare la sua figura e la sua opera.In questo momento di dolore le Acli di Primiero e tutte le ACLI Trentine esprimono un sincero pensiero di cordoglio e vicinanza alla moglie Barbara, ai figli Walter e Dario.