Tokyo 2020. L’Italia verso l’esclusione dalla manifestazione. A rischio anche “Milano-Cortina 2026”?

photocredit: eurosport

L’Italia potrebbe essere esclusa dalle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020 (slittate al 2021 a causa della pandemia). Tale decisione, senza precedenti nella storia dello sport italiano, potrebbe essere deliberata dal Comitato Olimpico Internazionale il prossimo 27 gennaio.

La questione, passata in sordina a causa della pandemia e della recente crisi di Governo, affonda le sue radici ancora nel 2019. Quando, a seguito della riforma dello sport, il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) aveva perso la sua autonomia sportiva passando, di fatto, sotto lo stretto controllo del Ministero dell’Economia con la Sport e salute S.p.A.

Questo passaggio, dato che il CIO non consente alle nazioni prive di autonomia “a livello sportivo” di partecipare ai Giochi Olimpici, ha creato non pochi problemi allo sport italiano e a nulla è servito il tentativo del Ministro Spadafora di riportare “nei ranghi” la situazione.

Ancora lo scorso anno, lo stesso Comitato Olimpico Internazionale aveva inviato due missive diretta al Premier, nelle quali veniva evidenziata questa criticità e veniva esplicitato che, in caso di mancata modifica, l’Italia sarebbe potuta rimanere esclusa dalle Olimpiadi.

Tali lettere sarebbero rimaste senza risposta, con il Governo probabilmente impegnato a gestire l’emergenza sanitaria e la e la crisi economica che il Covid-19 ha generato, ma con il problema che ora è diventato di strettissima attualità.

Ad oggi, come riportato da più fonti, l’unica soluzione sarebbe un decreto legge che riporti il Coni ad avere la sua originaria autonomia. Ma, considerati i tempi sempre più stretti, servirebbe una vera e propria “corsa contro il tempo”.

Qualora la situazione non dovesse risolversi positivamente, con conseguente brutta figura di tutto il “sistema Italia”, gli atleti azzurri qualificati sarebbero costretti a gareggiare da indipendenti, non potendosi fregiare dei vessilli italiani.

Inoltre, un’esclusione dell’Italia dalla prossima manifestazione olimpica potrebbe mettere a rischio l’organizzazione delle Olimpiadi Invernali 2026 “Milano-Cortina”, dato che non è ancora chiaro come potrebbe reagire il CIO di fronte a tale esclusione.

Il tempo per rimediare ancora c’è, ma occorre fare in fretta.