Covid. Parla Speranza: “Vediamo la luce in fondo al tunnel, ma non possiamo allentare le misure”

photocredit: Dipartimento Protezione Civile

“Non ci sono le condizioni epidemiologiche per abbassare le misure di contrasto alla pandemia, siamo all’ultimo miglio e non possiamo abbassare la guardia”.

Ad affermarlo è stato il Ministro della Salute, Roberto Speranza, durante l’intervento con il quale ha parlato dell’andamento epidemiologico italiano al Senato.

Il Ministro proseguendo nel suo intervento ha riferito inoltre come la variante inglese, presente attualmente nel 17.8% dei contagi, sarà presto predominante e, per questo, sarà importante non farsi cogliere impreparati e non abbassare la guardia. Riferendo anche, come fortunatamente, questa specifica variante non interferisca sull’efficacia dei vaccini.

Successivamente Roberto Speranza ha ricordato come il Governo sia al lavoro per fornire alle persone in difficoltà “congrui ristori” e come anche nelle prossime ordinanze e dpcm (che entrerà in vigore il prossimo 6 marzo, sino al 6 aprile) uno dei punti cardine sarà sempre “la salvaguardia del diritto alla salute”. Aggiungendo: “E’ decisiva la consegna puntuale delle dosi e l’Italia non si rassegna alla riduzione di queste. Con i vertici Ue stiamo esercitando il massimo di pressione verso le aziende affinchè si trovino soluzioni necessarie per aumentare la produzione dei vaccini. Vanno considerate tutte le soluzioni, nessuna esclusa”.

Infine, in un altro passo rilevante del suo intervento, il Ministro della Salute ha rimarcato l’importanza di non dare adito alle polemiche, che disorientano la cittadinanza già provata dalla crisi economico-sanitaria, invitando la popolazione ad avere fiducia nella scienza e nel personale sanitario.

“I ritardi di alcune forniture di vaccini non muteranno l’iter in corso e vediamo la luce in fondo al tunnel” ha poi concluso Roberto Speranza.