Chiusure a Pasqua. Salvini: “parlarne ora non è rispettoso degli italiani”, ma il PD accusa: “sbaglia e rischia di portare fuori strada l’Italia”

Se ci sono situazioni locali a rischio, si intervenga a livello locale. Però parlare già oggi di una Pasqua chiusi in casa non mi sembra rispettoso degli italiani”.

Con queste parole il leader della Lega, Matteo Salvini, è intervenuto per commentare la possibilità (tutt’altro che remota) che vorrebbe il Governo pronto ad una stretta con il prossimo Dpcm che entrerà in vigore il prossimo 6 marzo, che interessi anche il periodo delle festività pasquali, il tutto al fine, ormai divenuto quasi un tormentone, di rallentare la circolazione del virus sul suolo italiano.

Matteo Salvini che non sembra essere concorde con questa eventualità, ha richiamato il mondo politico al buonsenso ricordando come in tutta Italia i Sindaci, a prescindere dal loro schieramento politico, stiano chiedendo a gran voce di far ripartire alcune attività dall’alto impatto economico-sociale. Non solo, il Capitano della Lega è tornato a rivolgersi al Ministro della Salute, Roberto Speranza, chiedendo “un cambio di passo” e affermando di essere pronto, insieme al partito, ad aiutarlo per offrire “questa discontinuità” rispetto al passato.

Se la posizione del leader della Lega è stata chiara ed in favore di possibili riaperture (ove possibile), quella del Partito Democratico ( e del suo Segretario, Nicola Zingaretti) si è rivelata diametralmente opposta. Proprio il Segretario Zingaretti infatti, ha aspramente criticato le parole di Matteo Salvini, reo di voler cavalcare la pandemia e di voler portare l’Italia fuori strada.

Attraverso un post pubblicato sul suo profilo ufficiale Facebook, Zingaretti ha attaccato il leader della Lega, affermando: “Vedo che, sulla pandemia, Salvini purtroppo continua a sbagliare e rischia di portare fuori strada l’Italia. Prima sono state le mascherine, che erano inutili, ora, cavalcando la stanchezza di tutti, si attaccano le regole per la Pasqua. Quello che è irrispettoso per gli italiani e gli imprenditori è mettere a rischio le loro vite e prolungare all’infinito la pandemia e quindi la possibilità di avere la ripresa economica”.

Il Segretario del PD ha poi concluso il suo “attacco”, ricordando come per battere il Covid-19 sia importante avere buon senso, coerenza e rispettare le linee guida che verranno emanate dal Governo: “Così si sta in una maggioranza e si danno certezze alle persone. I problemi si risolvono, non si cavalcano”.