Covid. A New York si diffonde rapidamente una nuova variante del virus

Mentre in Italia (e in Europa) le massime istituzioni sono al lavoro per cercare di velocizzare le varie campagne vaccinali ed arrivare il prima possibile ad avere una copertura sufficiente per contrastare il Covid-19, dagli Stati Uniti è arrivata la notizia della scoperta, a New York, di una nuova variante del tanto temuto coronavirus.

La variante newyorkese, chiamata B.1.526, stando a quanto riporta ANSA citando il New York Times si starebbe diffondendo molto rapidamente tra la popolazione della Grande Mela. B.1.526 sarebbe molto pericolosa a causa di una mutazione che potrebbe aiutare il virus ad evitare il nostro sistema immunitario.

Dopo la variante inglese, quella brasiliana e quella sudafricana sarebbe arrivata anche quella newyorkese a far preoccupare gli esperti, soprattutto se considerato che questa nuova variante potrebbe essere in grado di rendere meno efficace la copertura dei vaccini, diventando davvero molto pericolosa da gestire.

Anche a causa di questa nuova scoperta, negli U.S.A, il neo Presidente Joe Biden ha prolungato l’emergenza nazionale causata dal Covid-19, affermando: “Il Covid 19 continua a causare significativi rischi alla salute pubblica e alla sicurezza del Paese. Per questo l’emergenza nazionale dichiarata il 13 marzo 2020, e iniziata l’1 marzo del 2020, deve continuare a restare in effetto dopo l’1 marzo 2021”.