Rovereto, furti e piccoli reati

Nel corso della settimana i Militari della Compagnia Carabinieri di Rovereto hanno portato a segno importanti risultati sul fronte del contrasto ai reati predatori.

Proprio ieri i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile hanno riconsegnato a una ragazzina di Rovereto la bicicletta sottrattale la sera del 23 febbraio.

Il velocipede – una mountain bike azzurra, con pedalata assistita, freni a disco e forcelle ammortizzate – era stato di recente acquistato dai genitori della ragazza quale premio per il ragguardevole rendimento scolastico della loro figlia. Giusto il tempo di qualche pedalata approfittando delle temperature miti di questi giorni e la bicicletta parcheggiata per qualche minuto davanti casa è sparita nel nulla. 

La giovane si è presentata dai Carabinieri, accompagnata dalla mamma, per denunciare il furto della bici e questi si sono subito attivati ritrovando la bici rubata e denunciando il responsabile del furto, un quarantenne del posto.

Grande gioia da parte della ragazza per il celere ritrovamento della sua mountain bike.

Sempre nel corso di questa settimana i Carabinieri della Stazione di Mori hanno denunciato due 17enni del posto per il furto di una macchina.

I due avevano rubato l’Opel Zafira di un pensionato per andarsi a fare un giro, ma la loro serata è finita prima del previsto, poiché fermati dai Carabinieri nel frattempo avvertiti dal proprietario circa la sparizione della propria auto. Il minore al volante, oltre che per il furto in concorso, è stato denunciato anche per essersi posto alla guida del veicolo in stato di ebbrezza.