In attesa del responso dell’Ema, Draghi rassicura: “Qualunque sarà la decisione, campagna vaccinale proseguirà con la stessa intensità”

photocredit: European Central Bank Copyright (c) 2017 autore: www.ecb.europa.eu

In attesa che l’Agenzia Europea per i Medicinali si pronunci definitivamente sul “caso AstraZeneca”, con la conferenza stampa già fissata per oggi intorno alle ore 16, in Italia le questioni legate ai vaccini e all’andamento della campagna vaccinale continuano ad essere di strettissima attualità.

Sebbene le indiscrezioni parlino di un Ema pronta a dare il via libera al vaccino della casa farmaceutica anglo-svedese, fino al momento in cui non verrà data l’ufficialità, il destino del piano vaccinale italiano sembra essere molto nebuloso e pieno di incertezze.

A rassicurare la popolazione italiana sui vaccini è arrivato direttamente l’intervento del Premier Mario Draghi che, a margine della cerimonia  per la Giornata Nazionale in memoria delle vittime del Covid tenutasi a Bergamo, ha speso parole molto incoraggianti sul futuro del piano vaccinale italiano.

Come correttamente riportato da ANSA, Mario Draghi a margine della cerimonia ha ricordato come il Governo sia al lavoro per il bene degli italiani, affermando: “Il governo, e lo sapete bene, è impegnato a fare il maggior numero di vaccinazioni nel più breve tempo possibile. Questa è la nostra priorità”.

Non solo, il Presidente del Consiglio ha poi proseguito ribadendo come la decisione di procedere alla sospensione del vaccino di AstraZeneca sia stata presa solamente in via precauzionale, aggiungendo poi come la campagna vaccinale italiana proseguirà con la stessa intensità anche se l’Ema dovesse dare un parere negativo al vaccino della casa anglo-svedese.

Con queste parole, Mario Draghi, ha voluto rassicurare tutta la popolazione italiana sulle sorti della campagna vaccinale nostrana e, stando alle sue parole, anche se l’Agenzia Europea per i Medicinali dovesse bloccare definitivamente il vaccino di AstraZeneca (ipotesi remota ma ancora percorribile), le vaccinazioni in Italia proseguirebbero con la stessa intensità di prima.