In Germania revocato il lockdown di Pasqua. Merkel: “E’ stato un errore. Chiederò scusa al Paese”

“E’ un errore che deve essere chiamato come tale e bisogna correggerlo in tempo.”

Ad affermarlo è stata Angela Merkel, Cancelliere della Germania, durante l’intervento con il quale ha annunciato la sua intenzione di revocare il lockdown rinforzato che era stato previsto in Germania durante il periodo di Pasqua.

Appena due giorni fa, all’interno di un vertice tra il Governo tedesco e i Laender, era stato deciso che durante il periodo pasquale (dal 1° al 5 di aprile) in Germania sarebbero state chiuse tutte le attività, supermercati compresi. L’unica eccezione era stata riservata alla giornata del “Sabato Santo”, dove la gente avrebbe potuto acquistare esclusivamente generi alimentari.

Tale decisione aveva generato subito numerose polemiche, con molti esponenti del mondo politico-economico tedesco che avevano espresso le loro perplessità intorno a queste ulteriori restrizioni. Non solo, anche la popolazione teutonica aveva mostrato di non gradire le nuove misure, criticando apertamente l’operato della propria Cancelliera.

A seguito delle critiche, Angela Merkel, sarebbe tornata sui suoi passi, convocando un vertice lampo con i Laender nel quale è stata deciso di revocare il lockdown per il periodo pasquale.

Stando a quanto riportato dal media tedesco “Der Spiegel”, la Cancelliera tedesca avrebbe affermato in merito: “So che questo procura altra insicurezza e chiedo perdono a tutti i cittadini e a tutte le cittadine. È stato un errore, e gli errori vanno corretti in tempo, questo è ancora possibile. Me ne assumo la responsabilità. Chiederò scusa al paese.”

Successivamente, Angela Merkel ha chiarito come tale decisione fosse stata inizialmente presa per il bene del paese e per far abbassare la curva dei contagi, ma come la stessa non fosse realizzabile in poco tempo ed è stata quindi revocata, concludendo poi: “Sono profondamente convinta che batteremo il virus. La strada è in salita, costellata di contraccolpi ed errori, ma alla fine la partita sarà vinta”