Speranza: “Dove vacciniamo c’è crollo dei contagi”. Per l’OMS però le vaccinazioni in Europa sono “di una lentezza inaccettabile”

Autore: ABEL F. ROS | Qapta.es Copyright: 2018 © Qapta.es

“La campagna di vaccinazione sta correndo e dovunque riusciamo a vaccinare vediamo che c’è un crollo del tasso di contagi. Penso al mondo del personale sanitario ma anche nelle Rsa, luoghi in cui in tanti hanno perso la vita”.

E’ iniziato così l’intervento con il quale, il Ministro della Salute, Roberto Speranza è intervenuto all’interno dell’incontro tra il Governo, Coldiretti e Filiera Italia per parlare dell’andamento della campagna vaccinale italiana.

Il Ministro ha poi sottolineato come l’aver vaccinato nelle Rsa abbia portato molto velocemente a vedere i risultati auspicati, come dimostrato dal crollo di contagi e morti in queste strutture, aggiungendo anche come questo certifichi la bontà delle vaccinazioni e di come il vaccinare sia la via principale da perseguire e di come ora, l’Italia, sia pronta a produrre la tanto auspicata accelerazione.

Quasi contestualmente alle dichiarazioni del Ministro Speranza, è arrivata però anche una nota dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) con la quale l’istituto ha definito “inaccettabile” la lentezza del ritmo delle vaccinazioni europee.

Come riporta ANSA, l’OMS, per bocca del suo direttore europeo Hans Kluge, ha chiarito: “I vaccini rappresentano il nostro modo migliore per uscire da questa pandemia. Tuttavia, il lancio di questi vaccini è inaccettabilmente lento e sta prolungando la pandemia.”

L’OMS concludendo ha fatto sapere inoltre, come il sensibile aumento di casi avvenuto recentemente in Europa, sia il più preoccupante degli ultimi mesi.