Scontri davanti a Montecitorio. FSP Polizia vicina agli agenti feriti durante le proteste”

“Rivolgiamo la nostra solidarietà e gli auguri di pronta guarigione ai colleghi feriti durante le proteste davanti a Montecitorio”, a dirlo FSP Polizia a seguito del ferimento di alcuni loro colleghi durante le manifestazioni da parte dei ristoratori esasperati dalle chiusure causate dall’emergenza Covid. Nel comunicato stampa si manifesta solidarietà nei confronti dei manifestanti, ma al contempo si rivela che l’utilizzo di violenza mette in secondo piano i problemi di coloro che sono scesi in piazza. “Al momento solo le forze dell’ordine si ritrovano a raccogliere e fronteggiare gli sfoghi di un livello di disperazione che non può e non deve essere sottovalutato. Pensare di gestire questa situazione ormai non più emergenziale, visto che va avanti da oltre un anno”.

Al momento sulla vicenda è intervenuto anche Felice Antonio Vecchione di Italia Insieme che ha affermato: “Io sono contro la violenza, ma dopo un anno ancora non si capisce quali sono i luoghi dove si rischia di più il covid e poi i 2 governi ogni volta che facevano un dpcm garantivano che era una cosa buona e giusta ma oggi il Portogallo riapre mentre noi siamo ancora in lockdown (in Lombardia a quanti lockdown sono arrivati?). Per non parlare di divieti assurdi come non si può andare da un comune di 10 mila abitanti nel comune confinante mentre a Roma si può andare a Ostia Lido o ammassarsi in Piazza di Spagna“.