Prete lascia la tonaca per amore. La sessuologa Spina: “pronta ad offrirgli un percorso sessuologico gratuito”

La sessuologa Rosamaria Spina è intervenuta nel corso del programma curato e condotto da Andrea Lupoli, “Genetica Oggi”, in onda su Radio Cusano Campus, riguardo la storia di Don Riccardo Ceccobelli, il sacerdote che ha lasciato la tonaca per amore di una donna.

Don Riccardo Ceccobelli, è il sacerdote salito recentemente agli onori della cronaca per aver deciso di abbandonare la tonaca dopo essersi innamorato (ricambiato) di una donna. La vicenda che in poche ore è diventata un caso mediatico nazionale, ha visto Don Ceccobelli arrivare a chiedere al Vescovo di Orvieto-Todi la dispensa dall’obbligo del celibato e la dimissione dallo stato clericale.

Intervenuta sulla vicenda, la sessuologa Spina, ha affermato di voler offrire un sostegno gratuito alla coppia: “Sono disposta a sostenere, gratuitamente, i due giovani innamorati per un percorso sessuologico di coppia. Lo farei molto volentieri. C’è una storia di profonda umanità e tenerezza dietro queste due persone. Quello che dovranno affrontare non sarà facile, soprattutto per lui sul piano emotivo ed affettivo perché fortemente combattuto per l’amore verso Dio e quello verso la ragazza”.

Entrando nello specifico del rapporto di coppia tra i due innamorati, Rosamaria Spina ha anche aggiunto: “Io li seguirei in un percorso psico-sessuologico perché avendo lui l’obbligo della castità e del celibato mi viene da pensare che quando arriveranno per ‘quel momento’ non è scontato che effettivamente tutto possa filare liscio anche perché suppongo che da quando Don Riccardo è prete non abbia più consumato alcun tipo di rapporto sessuale e quindi potrebbe essere necessario un supporto per riprendere una sessualità soddisfacente e gratificante”.

Concludendo il suo intervento la sessuologa, ha ricordato come la coppia tra il Don e la sua innamorata si stia formando tra moltissime difficoltà e come, in questo momento, abbiano bisogno di molto supporto e non del giudizio morale della gente.