Riaperture. Fratelli d’Italia Trentino chiede a Fugatti di “spostare il coprifuoco almeno fino a mezzanotte”

“Abbiamo molto apprezzato il coraggio del Presidente Fugatti nella scelta di anticipare di una settimana l’apertura dei bar e dei ristoranti in Trentino; scelta che ha dimostrato, lanciando un segnale estremamente importante, di andare concretamente incontro alle esigenze del territorio”.

E’ iniziato così l’intervento con il quale, i Consiglieri provinciali di Fratelli d’Italia Trentino Claudio Cia, Katia Rossato e Alessia Ambrosi, si sono rivolti al Presidente della Provincia Autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, per richiedere un’intervento diretto affinché il coprifuoco (attualmente in vigore dalle 22) possa essere esteso.

Dopo essersi complimentati con Fugatti per il coraggio nell’aver anticipato le aperture in Trentino rispetto al resto d’Italia, i Consiglieri di Fratelli d’Italia hanno affermato come il partito si auspichi che il Presidente possa seguire il suo stesso coraggioso esempio e agire in modo da poter togliere “l’assurdo limite del coprifuoco alle 22”.

Claudio Cia, Katia Rossato e Alessia Ambrosi, hanno quindi chiesto a Maurizio Fugatti di promuovere un’ordinanza che posticipi il coprifuoco almeno a mezzanotte, così da permettere alle tante attività economiche interessate dallo stesso “di sopravvivere”.

Ritenendo la popolazione trentina perfettamente in grado di poter conciliare tali aperture con il rispetto delle norme sanitarie, i Consiglieri di Fratelli d’Italia hanno concluso il loro intervento ricordando come, posticipare il coprifuoco “consentirebbe alla nostra terra di tornare ad essere immediatamente attrattiva per tanti turisti che attualmente, proprio a causa di questo limite assurdo, non stanno prenotando”.