In Alto Adige via le mascherine, prima regione in Italia, in attesa del Cts

In attesa della pronuncia del Comitato tecnico scientifico, l’Alto Adige anticipa tutti e diventa ufficialmente la prima regione in Italia ‘mascherina-free’.

Per la prima volta da dieci mesi nessun morto e nemmeno un contagio consentono all’Alto Adige di abbassare ancora la guardia, togliendo dunque l’obbligo di mascherina all’aperto attraverso un provvedimento che ne abolisce l’uso. La protezione va invece sempre indossata al chiuso, dove è più probabile che il virus (con l’aggravante delle varianti) circoli più facilmente.

 Era dal 18 agosto del 2020, 307 giorni fa, che in provincia di Bolzano il bollettino giornaliero dell’azienda sanitaria registrava zero decessi e zero nuovi casi di Covid-19.

Nella giornata di domenica, su soli 845 tamponi processati tra molecolari e rapidi non sono state registrate nuove positività. Va precisato che il 18 agosto dello scorso anno il dato era riferito solo ai tamponi molecolari. In Alto Adige i decessi complessivi collegati al coronavirus sono 1.180 (nell’ultima settimana nessun decesso), le persone sottoposte a tampone molecolare 221.756 e 48.628 di esse sono risultate positive. Le persone che hanno avuto un test antigenico positivo sono 26.199. I guariti totali sono 73.384. I pazienti covid ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 6, quelli in terapia intensiva 3.

L’Alto Adige, come ricordato da AGI, è stato il primo territorio italiano ad aver iniziato, in virtù di una legge provinciale emanata e approvata in una notte, la ‘fase 2’ nel maggio 2020 dopo il lungo lockdown nazionale. L’Alto Adige è stato anche il territorio che tra l’autunno e l’inverno scorso ha istituito più giorni di lockdown (quello di novembre e febbraio-marzo 2021) senza dimenticare che a fine novembre 2020 aveva allestito il vasto progetto del test di massa alla popolazione al quale aveva aderito più del 70% degli abitanti.

Dalla mezzanotte di domenica anche l’Alto Adige, come gran parte d’Italia (Valle d’Aosta esclusa) è diventato ‘zona bianca’, ovvero niente coprifuoco e allentamento delle misure contro il contagio da Covid-19.