Trasporti pubblici. Fugatti: “lavoriamo per confermare la grande fiducia del Trentino verso il suo trasporto pubblico locale”

Un riconoscimento dello sforzo effettuato dal trasporto pubblico trentino e dei suoi lavoratori durante l’emergenza pandemica, che ha permesso al Trentino di essere il territorio “che più di tutti ha tenuto aperte le scuole a livello nazionale”. La ripartenza a regime del servizio, con la ripresa delle corse serali prevista da lunedì 12 luglio. Le sfide presenti e future per una maggiore efficienza della “macchina” del TPL trentino, accanto ai nuovi progetti connessi al Piano nazionale di ripresa e resilienza e alle Olimpiadi 2026.

Sono questi i temi al centro dell’incontro di oggi, nella sede di Piazza Dante, tra il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, e i vertici di Trentino Trasporti: il presidente Diego Salvatore e il nuovo direttore generale Elena Colombo.

“Ho apprezzato molto il riferimento alla positività del ‘sistema trentino’ di cui fa parte il nostro trasporto pubblico locale. Un sistema virtuoso, sul quale questa Amministrazione ha dato fin da subito grande attenzione, con il rinnovo del contratto di settore e l’operazione di efficientamento avviata con l’insediamento del presidente Salvatore. Ora, la fase di uscita dalla pandemia impone nuove sfide. Non possiamo che lavorare per confermare la grande fiducia del Trentino verso il suo trasporto pubblico locale, un sistema che sia sempre più garanzia di efficacia e innovazione” ha detto il Presidente Fugatti riprendendo le parole di Elena Colombo.

Il presidente della società, unico soggetto gestore del servizio di trasporto pubblico e delle infrastrutture in provincia di Trento, ha parlato di “un incontro importante, utile per presentare il nuovo direttore generale che ha esperienze, capacità e competenze e farà sicuramente un buon lavoro”.

“Colombo porterà idee migliorative sfruttando la sua esperienza nel mondo privato. Tenendo sempre fermo un elemento: il trasporto pubblico è un servizio sociale, Trentino Trasporti ha ben chiaro questo principio. L’azienda non mira al profitto ma ad offrire alla comunità un servizio il migliore possibile con una gestione efficiente dal punto di vista dell’efficacia e dei costi” ha specificato il presidente di Trentino Trasporti, Diego Salvatore.

Salvatore ha poi ricordato lo sforzo compiuto per garantire il servizio in sicurezza nei mesi più difficili della pandemia – impegno che è stato di supporto all’apertura delle scuole, come sottolineato anche dal presidente Fugatti – e la ripresa delle corse serali da lunedì 12 luglio. “Torniamo gradualmente all’offerta pre-pandemia, un bel segnale di ripartenza” ha aggiunto in merito lo stesso Presidente di Trentino Trasporti.

Attenzione è stata data anche ai traguardi futuri, i progetti in campo che guardano a PNRR, Olimpiadi e alla linea di tram per Trento oggetto di un accordo tra Provincia e Comune capoluogo.

Da parte del direttore generale, Elena Colombo, un elogio alle potenzialità del territorio in fatto di trasporto pubblico e l’attenzione agli obiettivi di crescita per l’azienda: “Ho percepito, avendo esperienze anche in altre regioni autonome, la potenzialità unica del ‘sistema trentino’ dove c’è una chiara condivisione di intenti e di ottenimento dei risultati. Tra le nostre priorità ci occuperemo di ottimizzare al meglio i processi, di valorizzare le nuove professionalità e di innovazione”