Impianti a metano: in Italia perdono in troppi il gas

Il rapporto CATF USA

Utilizzando una telecamera a infrarossi all’avanguardia, la Clean Air Task Force ha documentato la fuoriuscita o lo sfiato delle emissioni di metano dagli impianti di petrolio e gas in tutta Europa. Finora, l’organizzazione ha visitato oltre 150 siti in sette paesi europei e ha riscontrato inquinamento da metano dannoso e invisibile nella stragrande maggioranza dei siti.

Oggi, Clean Air Task Force (CATF) rilascia filmati dalla Germania, Italia e Ungheria come primo round di prove per la sua nuova campagna, CutMethaneEU. I video di questi paesi sono disponibili in una libreria online insieme alle informazioni sulle emissioni di metano in Europa.

 Siamo rimasti tutti scioccati da quanto siano pervasive le emissioni di metano in tutta Europa”, ha affermato James Turitto , il responsabile della campagna che ha filmato le emissioni per CATF. “È chiaro che le migliori pratiche del settore vengono ignorate su e giù per la catena di approvvigionamento. “

Le termocamere a infrarossi utilizzate per filmare le emissioni di metano sono state precedentemente utilizzate per mostrare un inquinamento da metano inaspettatamente elevato negli Stati Uniti, in particolare per un’indagine del New York Times pubblicata nel 2019. Ma questa è la prima volta che un operatore FLIR qualificato ha girato l’Europa con la fotocamera.

Nei prossimi mesi, CATF ha programmato visite in più paesi in Europa e continuerà a rilasciare ulteriori prove delle emissioni di metano per tutto il 2021.

Il metano ha un effetto serra che è circa 80 volte più potente dell’anidride carbonica in un periodo di 20 anni ed è responsabile di almeno il 25% del riscaldamento globale. Inoltre, le emissioni di metano sono aumentate molto più velocemente di quanto previsto dagli obiettivi dell’Accordo di Parigi. Anche l’anno scorso, nel bel mezzo di una pandemia globale, le emissioni di metano sono aumentate a livelli record.

Il Global Methane Assessment, uno studio di riferimento dell’UNEP e del CCAC sull’abbattimento del metano pubblicato a maggio, ha richiesto una riduzione del 40% delle emissioni globali di metano entro il 2030, che include una riduzione del 65% di carbone, petrolio e gas metano, con conseguente 0.3C di riscaldamento evitato. 

“Politiche intelligenti possono ridurre le emissioni europee di metano del 70% entro il 2025. Stabilire una forte regolamentazione del metano per il settore petrolifero e del gas è il frutto più basso nella politica climatica dell’UE”, ha affermato Jonathan Banks , direttore internazionale di CATF, Super Pollutants. “Stiamo essenzialmente parlando di una corretta manutenzione e dell’impianto idraulico. Le compagnie petrolifere e del gas non fanno le basilari perché, francamente, non devono”.

La Commissione europea ha pubblicato la “strategia per il metano” dell’UE nell’ottobre 2020, che funge da punto di partenza per un processo di sviluppo di una legislazione per contenere l’inquinamento da metano. La versione finale è prevista per il quarto trimestre del 2021.

“Il metano è il fratellino malvagio dell’anidride carbonica, ma mentre mettiamo la CO2 nell’asilo, il metano scorre liberamente fuori dal parco giochi”, ha affermato l’ eurodeputato Martin Hojsík, relatore ombra sulla strategia per il metano per la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (ENVI) del Parlamento europeo. “Non abbiamo fatto abbastanza in passato, ma la promessa della Commissione Europea di una legislazione sulle emissioni di metano porta un po’ di speranza in un futuro migliore. Tuttavia, c’è ancora molto lavoro da fare: dobbiamo contribuire alla riduzione delle emissioni mondiali di metano applicando standard alle importazioni, vietando lo sfiato e il flaring di routine e sostenendo un accordo globale sul metano, tra gli altri. Gli impegni volontari non riflettono le dimensioni della crisi climatica e non porteranno ai necessari tagli alle emissioni. Abbiamo bisogno di misure concrete e obiettivi di riduzione delle emissioni per garantire che la Terra sia un buon posto in cui vivere e per prevenire le migliaia di morti premature,

Aspetti salienti della libreria CATF sulle emissioni di metano

  1. Due bocche che rilasciano significative concentrazioni di metano sulle colline delle Cinque Terre, in Italia, da un terminale di rigassificazione di GNL. Documentato il 6 aprile, il 7 aprile e il 18 aprile 2021.
  2. Stack che scarica una quantità significativa di metano dal più grande deposito di gas sotterraneo d’Italia a Minerbio (nord-est di Bologna). Documentato il 16 aprile e il 17 aprile 2021.
  3. Camino di sfiato che rilascia metano significativo dalla più grande stazione di compressione di trasmissione della Germania a Mallnow vicino al confine polacco. Documentato il 12 febbraio e il 27 aprile 2021.
  4. Stack sfiata il metano da un deposito sotterraneo, mentre un operaio del cantiere falcia l’erba a 20 metri di distanza. Bardolino, Italia. Documentato il 19 aprile 2021.
  5. Emissioni significative dai serbatoi di stoccaggio del petrolio nei giacimenti di petrolio e gas di Algyő nel sud dell’Ungheria. Documentato il 15 maggio 2021. Emissioni significative dei serbatoi dai serbatoi presso l’impianto di lavorazione del petrolio a Szank, nell’Ungheria centrale. Documentato il 15 maggio 2021.

Di Rowan Emslie. https://www.catf.us/2021/06/massive-quantity-of-methane-leaks-documented-across-eu/