Il gran finale in Val Lagarina al TrentinoInJazz!

Gran finale del Lagarina Jazz con un triplo concerto in due giorni. Si parte domenica 29 agosto a Mori con Saverio Tasca e Ennio Righetti: il duo cerca una consonanza tra strumenti acustici, tra il Brasile della tradizione e quello moderno, nel centenario della nascita di uno strumento come il vibrafono, che riunisce in sé le radici dell’Africa e la contemporaneità. Saverio Tasca è vibrafonista tra i più apprezzati in Italia, è stato membro del settetto di Franco D’Andrea, dei quartetti di Furio Di Castri e Tino Tracanna, dell’XY Quartet di Fazzini ed Fedrigo.La collaborazione con il chitarrista Ennio Righetti è di lunga data: tra l’altro si è arricchita della straordinaria esperienza di un concerto nell’ambito dell’Ice Music Festival al ghiacciaio Presena, nel gennaio dello scorso anno, con strumenti di ghiaccio. Ennio Righetti, veronese, si è dedicato in modo profondo allo studio della musica brasiliana, studiando tra l’altro con Marco Pereira e Guinga. Ha collaborato inoltre con Paolo Birro, Francesco Bearzatti, Joca Costa, Silvania Dos Santos.
Lunedì 30 agosto a Isera tocca ai 3 Strings, che esprimono l’unione simbolica delle corde di contrabbasso e chitarra a quelle più intime della voce, per un coinvolgente viaggio nel repertorio standard internazionale, e non solo. Giulia Galletti è una delle voci più espressive del panorama trentino, capace di spaziare con disinvoltura tra classico e moderno. Ha collaborato con musicisti quali Mark Harris, Ivan Ciccarelli, Carlo Cantini, Valerio De Paola e Ivan Tibolla. Giordano Grossi vanta tre album registrati a proprio nome e una serie di collaborazioni con Piero Bittolo Bon, Mirko Cisilino e Nelide Bandello. Stefano Giordani, leader del trio Connected, ha all’attivo pure due album di chitarra solo e una lunga, significativa esperienza sulla scena di Londra.
In serata a Villa Lagarina un altro trio, The Girl From Ipa Media, dal nome provocatorio e stuzzicante, che ricerca una sintesi spontanea tra la vocalità libera di Camilla Battaglia, aperta alle suggestioni del jazz, della musica elettronica e delle influenze etniche, e la fitta rete poliritmica intrecciata dal contrabbasso danzante, poderoso di Rosa Brunello e dalla batteria sempre mobile, imprevista di Gioele Pagliaccia.Camilla Battaglia ha pubblicato nel 2018 il suo secondo album con la partecipazione del trombettista statunitense Ambrose Akinmusire. I suoi interessi di compositrice e interprete si sviluppano su direttrici ampie, che coinvolgono jazz, improvvisazione ed elettronica, con un taglio maturato attraverso le esperienze a Copenaghen e Berlino. Rosa Brunello è ormai tra i più apprezzati musicisti della propria generazione. Spicca la sua recente partecipazione al tour europeo della vocalist Dee Dee Bridgewater. Anche lei ha maturato un’importante esperienza a Parigi, Amsterdam, Berlino. Allo stesso modo, Gioele Pagliaccia ha sviluppato la sua attività in campo internazionale, tra New York, San Francisco e Roma, collaborando e registrando tra l’altro con Idris Ackmoor & The Pyramids per la Strut Records. 
Prossimo appuntamento TIJ: 5 settembre, Isera (TN), Stefano Colpi Open Trio.


Calendario concerti:  https://synpress44.blogspot.com/2021/07/trentinoinjazz-2021-il-calendario-dei.html