Carola Rackete, Roscani-Rocca (GN-FdI): simbolo dell’ipocrisia di una certa sinistra

“Carola Rackete ospite sgradita” recita così lo striscione, esposto ieri sera, dai militanti di Gioventù Nazionale a Milano. 

“Noi di Gioventù Nazionale, movimento giovanile di Fratelli d’Italia, troviamo vergognoso che la “capitana” tedesca, famosa per aver violato i nostri confini, speronando una motovedetta della Guardia di Finanza, ed aver fatto attraccare una nave piena di clandestini, sia ospite a Milano per la chiusura della campagna elettorale del Sindaco Beppe Sala. Se questi sono i punti di riferimento di una certa sinistra, siamo di fronte all’emblema dell’ipocrisia del radical progressista.
Ci chiediamo come si possa, nonostante le drammatiche notizie di cronaca provocate da una politica immigratoria senza controlli, continuare a non avere un minimo di amor Patrio. Il Sindaco Sala dovrebbe conoscere e rimediare alle conseguenze che l’ideologia immigrazionista ha causato sul territorio della sua città, basti pensare ai quartieri fuori dai Bastioni, e non istigarlo con ospiti sgraditi.”

Lo dichiarano in una nota congiunta Fabio Roscani, Presidente di Gioventù Nazionale, movimento giovanile FdI, e Francesco Rocca, presidente GN Milano, candidato al Consiglio comunale di Milano per Fratelli d’Italia.