San Donato milanese aereo precipita: 8 morti

Diretto a Olbia cade su edificio per cause da accertare

Si schianta aereo turistico, con otto persone a bordo, è precipitato a San Donato Milanese, su una palazzina in ristrutturazione. ATM. A bordo c’erano il pilota, il copilota, cinque adulti e un bambino: nessun superstite. Nell’impatto il velivolo si è incendiato e anche alcune auto e la palazzina sono andate a fuoco. Sul posto sono intervenuti: elisoccorso, un’automedica, quattro ambulanze, Vigili del Fuoco, Carabinieri, Polizia e Vigili Urbani. Il velivolo era decollato dall’aeroporto di Linate ed era diretto in Sardegna, ad Olbia. Si tratta di un Pilatus Pc-12, progettato e  prodotto dall’azienda aeronautica svizzera Pilatus Aircraft. Il Pc-12 è un aereo executive, monomotore a turboelica, monoplano ad  ala bassa, che può ospitare fino a nove passeggeri. Sarebbero tutte straniere le persone morte. Lo ha spiegato il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, confermando che tra le vittime c’è un bambino. Il magistrato ha spiegato che l’aereo ha impattato in modo molto violento sul tetto dell’edificio. Tra le vittime ricco immobiliarista romeno, era alla guida del velivolo Era considerato uno degli uomini più ricchi della Romania Dan Petrescu, proprietario e pilota dell’aereo. Aveva 68 anni, doppia cittadinanza tedesca e romena, ed era uno dei principali investitori nel settore immobiliare del suo paese. Tra le vittime suo figlio di 30 anni, Dan Stefan Petrescu, indicato inizialmente alla guida dell’aereo, nato a Monaco di Baviera e anche lui con doppia cittadinanza, e sua moglie, di 65 anni, nata in Romania con cittadinanza francese. Con loro altre 5 persone ancora da identificare, compreso il bambino probabilmente di pochi anni.  Il sindaco Sala sul posto  Il sindaco di Milano, Beppe Sala, si è recato sul luogo dell’incidente. Sala ha incontrato chi si sta occupando della tragedia. Impatto devastante, verifiche su stabilità “L’impatto è stato devastante”: lo ha spiegato Carlo Cardinali, funzionario dei Vigili del Fuoco di Milano, accorsi immediatamente a San Donato Milanese. “Attualmente è stato individuato un solo corpo”, ha aggiunto spiegando che l’aereo è finito contro la facciata dall’edificio. “L’impatto è stato estremamente violento, c’è stata una vera e propria esplosione, con proiezione di questo aeromobile in vari punti”, ha confermato Cardinali, aggiungendo che “l’aereo ha effettuato una virata dopo il decollo e quindi probabilmente il pilota si è accorto di qualche anomalia“.   

“La palazzina era disabitata, tra l’altro interessata da lavori di ristrutturazione quindi abbiamo scongiurato subito la presenza di altre persone all’interno della struttura. In quel punto è stato davvero importante che non ci fossero abitazioni, nel dramma l’impatto è avvenuto su struttura disabitata totalmente”, ha concluso. Un testimone, aereo in fiamme prima di impatto “Ho sentito questo rumore fortissimo, poi una scia e c’erano fumo e fiamme sotto l’aereo in volo che poi si è schiantato contro la palazzina. Sicuramente il pilota si è accorto di quanto stava succedendo”. Lo ha raccontato un testimone che stava aspettando l’autobus nel piazzale di fianco alla palazzina contro cui è precipitato l’aereo. Agenzia sicurezza volo apre inchiesta L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) ha aperto un’inchiesta sull’incidente aereo avvenuto a San Donato Milanese e disposto l’invio di un’investigatore sul posto. Secondo quanto ricostruito finora dall’agenzia, “il velivolo PC-12 marche di identificazione YR-PDV, era decollato da Linate alle 13:04 con destinazione Olbia. L’aereo ha colpito un edificio stabile e si è incendiato”.  La procura apre fascicolo per disastro colposo, trovata scatola nera  Sull’incidente avvenuto a San Donato Milanese nel quale un piccolo aereo è precipitato “verrà aperto un fascicolo per disastro colposo”. Lo ha spiegato il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano dopo i primi rilievi sul luogo dell’incidente. Siciliano ha inoltre aggiunto che la scatola nera è stata trovata. Anomalia su radar e poi schianto, no allarme lanciato da bordo Era un velivolo privato quello che si è schiantato a San Donato milanese. “Il volo è stato seguito fino a un certo punto, poi è apparsa un’anomalia sui radar  ed è precipitato”. Lo ha confermato la pm milanese, Tiziana Siciliano, sul luogo della tragedia. Al momento “non risulta esserci stato un allarme lanciato da bordo, ma un’anomalia segnalata dalla torre di controllo”, spiega ribadendo che “è ancora tutto da accertare”.

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Piccolo-aereo-precipita-palazzina-nel-milanese-abitazioni-auto-fiamme-morti-6-bordo-27cde894-3721-4732-8ad0-79e44bc9de06.html