Presentato il nuovo Festival dell’Economia di Trento. Tre filoni: accademia, politica industriale e territorio

Maggior coinvolgimento di giovani, famiglie e territorio

CONFERENZA STAMPA FESTIVAL DELL'ECONOMIA 2022 Nella foto: Giampaolo Pedrotti (responsabile ufficio stampa Provincia autonoma di Trento) Trento, 07 ottobre 2021 Foto: Daniele Paternoster - Archivio Ufficio stampa Provincia Autonomadi Trento

Oggi è stato presentato il nuovo Festival dell’Economia di Trento che, per i prossimi tre anni, sarà organizzato dal Sole 24 Ore. Alla presentazione sono intervenuti  i vertici della Provincia autonoma, con il presidente della giunta provinciale, il direttore generale Paolo Nicoletti e del Gruppo Sole 24 Ore, con Edoardo Garrone presidente Gruppo 24 Ore, Giuseppe Cerbone ad del Gruppo 24 Ore, Fabio Tamburini direttore de Il Sole 24 Ore e Federico Silvestri ad di 24 Ore Eventi.

Il Festival dell’Economia nell’edizione 2022, la numero 17, inizierà il 2 giugno e durerà fino alla domenica successiva, 5 giugno. L’organizzazione, a cura del Gruppo Sole 24 Ore, è stato spiegato, intende confermare gli elementi di forza delle edizioni passate, ma apportando alcune importanti innovazioni. Sul piano dei contenuti saranno tre i filoni su cui si baserà il Festival dell’Economia di Trento. Il primo: confermerà le caratteristiche fin qui avute ossia un Festival dell’accademia economica. La seconda colonna portante sarà l’economia industriale. Il terzo filone sarà quello del rapporto col territorio, con la volontà di coinvolgere nello svolgimento del Festival le iniziative importanti che il Trentino esprime nell’economia reale.
Fabio Tamburini, direttore de Il Sole 24 Ore, e Federico Silvestri, ad di 24 Ore Eventi, presentano nella sede della Provincia l’edizione 2022 del Festival dell’economia di Trento [ Archivio Ufficio stampa PAT]

Per quanto riguarda gli eventi si intende ridurli per evitare sovrapposizioni e dare a ciascuno la maggiore evidenza possibile, razionalizzando il palinsesto. Sul fronte del format, ci saranno delle innovazioni. A partire dal fuori Festival, nel quale si prevedono numerose iniziative alcune delle quali dedicate ai giovani, come quelle che coinvolgeranno alcuni influencer e un progetto sui nuovi talenti che si sta pensando assieme al Financial Times. Ma ci saranno anche percorsi didattici per i più piccoli pensati per le famiglie con bambini. Inoltre, si prevede di far vivere il Festival dell’Economia prima e dopo l’evento clou spalmato sui 4 giorni. Sono infatti in programma alcune iniziative che avvicineranno all’evento e altre in calendario dopo l’evento. Tra quelle che il gruppo Sole 24 Ore progetta di portare in Trentino ci sono gli Stati generali della cultura e una tappa del road show dedicato alle Pmi “Innovation days”. Il Festival potrà contare sulla forza comunicativa e multimediale del gruppo Sole 24 Ore, basata su quotidiano, sito, radio, agenzia Radiocor solo per citarne alcuni.

Nel percorso formale avviato da circa 2 anni è stato selezionato come organizzatore per i prossimi tre anni il Sole 24 Ore e questo onora il Trentino, perché si tratta di uno dei più autorevoli gruppi editoriali europei in campo economico e finanziario, ha sottolineato il presidente della Provincia autonoma. Il progetto presentato è un progetto aperto, ha aggiunto il presidente della giunta provinciale, e la volontà della Provincia è che ci possa essere una collaborazione attiva al Festival di Università e Comune di Trento con i quali sono in corso delle interlocuzioni.

L’organizzazione del Festival dell’Economia di Trento «è per noi motivo di orgoglio e una bella sfida. Siamo convinti che con le nostre competenze po di poterlo valorizzare ancora di più rispetto al passato soprattutto dal punto di vista dell’internazionalizzazione del Festival, con la storia e la competenza del gruppo in economia e finanza e le capacità organizzative ulteriormente sviluppate negli ultimi anni nel settore degli eventi». Lo ha affermato Edoardo Garrone, presidente Gruppo 24 ORE, in occasione della conferenza stampa per la presentazione della prossima edizione del Festival. «Da presidente del Sole 24 Ore, quando ho saputo che il Sole aveva ricevuto l’incarico di organizzare il Festival dell’Economia di Trento ho detto “ci assumiamo una grande responsabilità”», ha aggiunto Garrone, sottolineando che «da parte mia posso garantire che Il Sole 24 Ore dedicherà tutte le sue capacità per fare del Festival dell’Economia di Trento un Festival di successo nei prossimi anni».
«Il Sole 24 Ore ha una presenza storica a Trento grazie alla collaborazione con il prestigioso studio Frizzera e abbiamo sempre apprezzato la collaborazione che ci è venuta da questa importante parte del Paese. Per noi è un motivo di orgoglio doppio quindi oggi collaborare con tutte le istituzioni per la buona riuscita del Festival dell’Economia di Trento. Siamo profondamente fieri di essere stati scelti come organizzatori di questo Festival prestigioso e di farlo per i prossimi tre anni». Lo ha dichiarato Giuseppe Cerbone, amministratore delegato del Gruppo 24 ORE, in occasione della conferenza stampa per la presentazione della prossima edizione del Festival dell’Economia di Trento. Cerbone ha aggiunto di essere «felice di mettere al servizio di istituzioni e della comunità locale, in uno spirito di piena collaborazione, tutta la nostra competenza e autorevolezza nella produzione di contenuti di qualità e nell’esperienza nell’organizzazione di eventi di altissimo profilo» e ha concluso dicendo: «Crediamo che il nostro gruppo debba creare non solo valore economico e sostenibile nel tempo per gli stakeholders ma anche valore economico e sociale per il nostro Paese e per il territorio. È con questo spirito che raccogliamo la sfida di organizzare il Festival dell’Economia di Trento per i prossimi tre anni e speriamo anche che questo sia l’inizio di una collaborazione più proficua sul territorio di Trento».
“Il Festival di Trento nella prossima edizione è organizzato dal Gruppo 24 ORE ma non è e non sarà il Festival del Sole 24 Ore, sarà il Festival dell’economia della città di Trento. Noi andiamo in quel filone di valorizzazione di quanto offre la città di Trento e il Trentino Questa sarà la caratterizzazione del Festival dell’economia di Trento per le prossime tre edizioni.» Così è intervenuto Fabio Tamburini, direttore del Sole 24 Ore. «Per quanto riguarda i contenuti il festival avrà tre filoni di approfondimento: accademia, politica industriale e territorio», ha continuato Tamburini, spiegando: «Continuerà ad essere un festival dell’accademia economica, cui si affiancheranno altre due colonne portanti, una è l’economia industriale per valorizzare questo filone universitario troppo spesso trascurato nell’accademia e nel Paese. Il terzo filone è quello dei rapporti con il territorio: il Trentino è ricco di iniziative sul fronte dell’economia reale che fanno la ricchezza del territorio e devono avere – e con noi avranno – un ruolo importante non solo come spettatori ma come nello svolgimento del Festival».
Per il Sole 24 Ore avere l’organizzazione del Festival dell’Economia di Trento «è un punto di arrivo e allo stesso tempo un punto di decollo. Siamo convinti di poter fare un buon lavoro insieme alla Provincia di Trento e alle altre realtà del territorio». Lo ha affermato Federico Silvestri, amministratore delegato di 24 Ore Eventi, alla conferenza stampa di presentazione del Festival dell’Economia di Trento. Il progetto del gruppo, ha spiegato Silvestri, punta a coinvolgere «il territorio, le famiglie, i giovani» oltre «al mondo delle imprese, alle istituzioni e al mondo accademico». Per questo motivo il palinsesto del Festival, ha spiegato Silvestri, prevede da una parte un «percorso in continuità: raccogliamo un testimone, la prossima sarà la 17esima edizione e vogliamo dare coerenza a questa storia importante» e contemporaneamente si è pensato a un progetto di «innovazione con ulteriori linguaggi. Ci sarà anche un Fuori Festival serale con eventi di infotainment in linea con il posizionamento del festival e del nostro gruppo, con iniziative dedicate ai giovani, ma anche un percorso specifico per gli studenti delle scuole secondarie sperando di essere affiancati dai riferimenti che vivono su questo territorio dal punto di vista scolastico e formativo».(ac)