Vaccini: Ganga (Cisl)- sospensione temporanea brevetti atto di giustizia e modo per contenere diffusione Covid

Autore: ABEL F. ROS | Qapta.es Copyright: 2018 © Qapta.es

“La pandemia ci ha reso ancora più coscienti della  disparità e della disponibilità estremamente disomogenea dei vaccini”. Lo ha detto Ignazio Ganga, intervenendo alla conferenza nazionale organizzata dal Comitato italiano della Campagna europea ‘Nessun profitto sulla pandemia’ per chiedere la sospensione dei brevetti sui vaccini anti Covid. “Mentre nel nostro Paese si perde tempo in dibattiti spesso inconcludenti, è distante la consapevolezza che la sfida al virus si dovrà giocare a livello mondiale, allargando la garanzia dei vaccini per tutti. Rendere disponibile il siero a livello globale, e prepararsi alle eventuali sfide sanitarie del futuro rappresenta, oggi, l’aspetto più delicato della triste vicenda Covid che ha ormai assunto le caratteristiche di una crisi umanitaria. Se è vero come è vero che i finanziamenti pubblici, cioè i soldi dei cittadini, sono stati fondamentali per realizzare i vaccini, non si capisce perché un simile sforzo collettivo debba scontrarsi con gli egoismi di pochi. Ecco perché sospendere i brevetti sui vaccini, oltre ad essere una decisione indispensabile, sarebbe, anche, una misura equa, umanitaria, di giustizia, l’unico modo per aumentare le vaccinazioni su scala mondiale e rallentare, così, la trasmissione, perché sappiamo che il Virus non rispetta né confini né divisioni razziali o di classe”.