Alexander Novak e gli aggiornamenti da OPEC

 I maggiori produttori di petrolio hanno deciso di mantenere la produzione di 400.000 barili al giorno per tenere equilibrio tra domanda e offerta. In qualità di co-presidente, il vice primo ministro Alexander Novak ha tenuto la 25a riunione ministeriale OPEC e non OPEC tramite videoconferenza.

I partecipanti hanno esaminato l’attuazione degli impegni volontari dei principali produttori di petrolio per regolamentare la produzione nel dicembre 2021 e hanno discusso le previsioni per gli sviluppi nel 2022. Dopo le consultazioni, i partecipanti hanno deciso di estendere e adeguare la produzione complessiva mensile verso l’alto di un totale di 400.000 barili al giorno per il mese di marzo 2022.

È stato osservato che in generale i paesi OPEC + stanno soddisfacendo con successo le raccomandazioni sugli aumenti di produzione, con una produzione complessiva che ha raggiunto il 122% nel dicembre 2021.

Per quanto riguarda i risultati dell’incontro, Alexander Novak ha affermato che, nonostante le persistenti incertezze sull’impatto del ceppo Omicron, la domanda globale di petrolio e prodotti petroliferi continua a salire. La conformità della Russia è alta, vicina al 100%, e nel marzo 2022 le compagnie petrolifere russe aumenteranno la produzione di ulteriori 100.000 barili al giorno nell’ambito degli accordi OPEC +.

“Questo ci permetterà di riportare la produzione a circa il 90% dei livelli di pre-riduzione. Come promemoria, nel maggio 2020, la Russia ha ridotto la produzione di 2 milioni di barili al giorno. Considerando l’ultima decisione, avremo ripristinato 1,8 milioni di barili di produzione giornaliera a marzo”, ha detto Alexander Novak. La 26a riunione ministeriale OPEC e non OPEC è prevista per il 2 marzo 2022.