“Sto pressando Speranza per accelerare le riaperture, dobbiamo tornare a fatturare” così il Ministro del Turismo, Massimo Garavaglia

Massimo Garavaglia, Ministro del Turismo, è intervenuto all’interno della trasmissione Dire Donna Oggi di Cusano TV per parlare della crisi del settore turistico e delle riaperture che nel prossimo futuro interesseranno il paese.

“La pandemia ha creato un buco che non si può colmare con i ristori, ne abbiamo dati e lo continueremo a fare anche con il Sostegni Ter, al Senato aggiungeremo circa 200 milioni, ma è una goccia nel mare. Dobbiamo tornare a fatturare. Sto facendo pressione sul Ministro della Salute Speranza per accelerare le aperture. Siamo anche riusciti a far accettare altri vaccini di persone straniere e questo vuol dire riaprire il mercato cinese, dobbiamo essere veloci nei tempi giusti” ha esordito il Ministro.

Successivamente, Massimo Garavaglia, si è espresso anche sulla questione dei tamponi per entrare in Italia dall’estero, specificando: “Ma se noi facciamo ancora i tamponi in ingresso è come dire andate da un’altra parte. Le regole devono essere allineare il più velocemente possibile agli altri Paesi. Con il PNRR abbiamo destinato 2,4 miliardi che con la leva finanziaria diventano quasi 7, sono già da quest’anno una bella spinta per la ripresa del settore”.  

Dopo aver ricordato come sia importante ripartire il più velocemente possibile, il Ministro per il Turismo ha evidenziato: “Non si possono recuperare i mesi di chiusura, neanche se sono rimaste delle restrizioni per i voli di lungo raggio che colpiscono le grandi città. Ma fortunatamente il grande malato sta guarendo. Abbiamo pagato la mancanza dei turisti stranieri di Cina, Stati Uniti, abbiamo pagato anche una comunicazione negativa, danneggiando il settore. Per fortuna l’aria sta cambiando e la situazione sta migliorando”.

Poi ha detto sulle proposte: “Per venire incontro alle diverse esigenze c’è di nuovo il credito d’imposta all’80% per migliorare l’offerta ricettiva. La moratoria l’abbiamo chiesta, ma il MEF non l’ha inserita nel Sostegni Ter e la riproponiamo come emendamento al Senato. Prevediamo uno sconto IMU dal credito d’imposta per chi è in locazione, la decontribuzione per abbattere i costi fissi come quello del lavoro”.Sul lavoro e sugli stagionali”.

Infine, concludendo il suo intervento, il Ministro per il Turismo si è speso anche sulla delicata questione dei lavoratori stagionali: “Abbiamo un problema enorme che riguarda sia la distorsione creata dal reddito di cittadinanza, perché se c’è poca differenza tra lavorare e non è una iattura, sia il tema della formazione. Perchè la Spagna ha 60 istituti di formazione del settore e noi solo 14? Così abbiamo meno forza lavoro. Ho chiesto al Ministro Orlando di avere una sezione dedicata nel Fondo Nuove Competenze per avere persone formate in poco tempo. Gli operatori hanno perso personale qualificato”