Eurozona

“Non siamo in guerra contro la Russia”: continua la politica conciliativa di Macron nei confronti di Putin

Continua la politica di conciliazione nei confronti della Russia di Putin d parte del Presidente francese Emanuele Macron. “Abbiamo partecipato allo sforzo nell’ambito della NATO per proteggere la sicurezza e la sovranità dei nostri alleati rafforzando la presenza militare che abbiamo già negli Stati baltici e nella regione. Diverse centinaia di soldati francesi sono arrivati ​​ieri sul suolo rumeno “, ha assicurato Emmanuel Macron. “ Le iniziative diplomatiche, le sanzioni contro i leader politici ed economici della Russia, il sostegno alla popolazione ucraina proseguiranno e si intensificheranno con l’obiettivo di ottenere la cessazione dei combattimenti ” 

Non siamo in guerra con la Russia, sappiamo tutto ciò che ci lega a questo grande popolo europeo, il popolo russo che ha tanto sacrificato durante la seconda guerra mondiale per salvare l’Europa dall’abisso“.

Emmanuel Macron presume di “rimanere in contatto ” quanto ” necessario ” con Vladimir Putin. “ Cercare instancabilmente di convincerlo a rinunciare alle armi, per aiutare quanto può la Francia nel contesto dei colloqui, e per prevenire il contagio e l’allargamento del conflitto ”, ha spiegato.

Non possiamo più dipendere dagli altri per nutrirci, curarci, informarci, finanziarci “, ha proseguito Emmanuel Macron. “ Dovremo promuovere un nuovo modello economico basato sull’indipendenza e sul progresso. Sull’energia, ” non possiamo più dipendere dal gas russo per muoverci, riscaldarci, far funzionare le nostre fabbriche “, ha detto Emmanuel Macron, che ha detto di voler difendere ” una strategia di indipendenza energetica europea “. Sul versante della difesa, ” la nostra difesa europea deve fare un nuovo passo “, ha affermato il presidente. Convocherà un vertice dei Capi di Stato e di governo europei il 10 e 11 marzo a Versailles,”chi dovrà decidere su questi temi ”, ha annunciato.

Secolo Trentino