Servizi per la prima infanzia. Assegnati oltre 12 milioni agli enti locali, Gottardi: “obiettivo è consentire conciliazione famiglia-lavoro anche a genitori che non possono contare su appoggi esterni”

12 milioni 459 euro sono stati assegnati dalla Giunta provinciale a Comuni e Comunità, per garantire sul territorio i servizi socio-educativi della prima infanzia.

“Si tratta di un sostegno che riteniamo fondamentale per garantire la presenza di asili nido e tagesmutter anche nelle realtà più lontane dai centri più popolosi. L’obiettivo è di consentire la conciliazione famiglia-lavoro anche ai genitori che non possono contare su appoggi esterni, oltre che di favorire la socialità tra i più piccoli ha affermato in merito l’Assessore provinciale agli Enti Locali, Mattia Gottardi.

Lo stesso Assessore Gottardi ha proposto il finanziamento con un primo acconto destinato agli enti gestori per il 2022.

L’importo assegnato è pari alla metà del contributo erogato nel 2021 attraverso l’applicazione di criteri ben definiti.

Considerato il fatto che il servizio di tagesmutter evidenzia sensibili differenze del numero di ore sostenute da un anno all’altro, e dato che la quota riferita al servizio di asilo nido rappresenta circa il 95% rispetto al trasferimento totale, l’acconto provinciale è stato limitato al solo servizio di nido d’infanzia.

(Fonte: Comunicati Stampa Provincia Autonoma di Trento)