OMS: Covid-19 aumenta del 25% i casi di ansia e depressione

Secondo un documento scientifico pubblicato oggi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel primo anno della pandemia di Covid-19 la prevalenza globale di ansia e depressione è aumentata del 25%. Il documento evidenzia anche chi è stato maggiormente colpito e riassume l’effetto che la pandemia ha avuto sulla disponibilità dei servizi di salute mentale e come questi siano cambiati durante la pandemia.

Preoccupazioni riguardo a un potenziale aumento dei disturbi di salute mentale hanno spinto il 90% dei paesi intervistati a includere la salute mentale ed il supporto psicosociale nei loro piani di risposta al Covid-19, ma rimangono grandi lacune e preoccupazioni.

“Le informazioni che abbiamo ora sull’impatto del Covid-19 sulla salute mentale del mondo sono solo la punta dell’iceberg”, ha affermato il Dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS. “Questo è un campanello d’allarme per tutti i paesi a prestare maggiore attenzione alla salute mentale e fare un lavoro migliore nel sostenere la salute mentale delle loro popolazioni”.

Fattori di stress multipli
Una delle principali spiegazioni dell’aumento è lo stress senza precedenti causato dall’isolamento sociale derivante dalla pandemia. Collegati a questo c’erano i limiti alla capacità delle persone di lavorare, cercare sostegno dai propri cari e impegnarsi nelle loro comunità.

Solitudine, paura dell’infezione, sofferenza e paura della morte per i propri cari e per se stessi, dolore dopo il lutto e preoccupazioni finanziarie sono stati tutti citati come fattori di stress che portano all’ansia e alla depressione. Tra gli operatori sanitari l’esaurimento è stato uno dei principali fattori scatenanti del pensiero suicida.

I giovani e le donne sono tra i più colpiti

Il documento, che è informato da una revisione completa delle prove esistenti sull’impatto di COVID-19 sulla salute mentale e sui servizi di salute mentale e include le stime dell’ultimo studio Global Burden of Disease, mostra che la pandemia ha influenzato la salute mentale dei giovani, che rischiano in modo sproporzionato di sviluppare comportamenti suicidi e autolesionistici. Indica anche che le donne sono state colpite più gravemente degli uomini e che le persone con problemi di salute preesistenti, come asma, cancro e malattie cardiache, avevano più probabilità di sviluppare sintomi di disturbi mentali.

I dati suggeriscono che le persone con problemi mentali preesistenti non sembrano essere sproporzionatamente vulnerabili all’infezione di Covid-19. Ciononostante, quando queste persone si infettano, hanno più probabilità di essere ricoverati, di sviluppare la malattia in maniera grave e di morire, rispetto alle persone che non soffrono di malattie mentali. Persone con disturbi mentali più gravi, come la psicosi, e i giovani con disturbi mentali, sono particolarmente a rischio.

Lacune nelle cure

Questo aumento della prevalenza dei problemi di salute mentale ha coinciso con gravi interruzioni dei servizi di salute mentale, lasciando enormi lacune nelle cure per coloro che ne hanno più bisogno. Per gran parte della pandemia, i servizi per i disturbi mentali e psicologici e per i disturbi da uso di sostanze sono stati i più interrotti tra tutti i servizi sanitari essenziali nei paesi membri della OMS. Molti paesi hanno anche segnalato gravi interruzioni nei servizi salvavita per la salute mentale, compresi quelli per la prevenzione del suicidio.

Alla fine del 2021 la situazione era in qualche modo migliorata, ma oggi troppe persone non riescono a ricevere le cure e il supporto di cui hanno bisogno sia per le condizioni di salute mentale sviluppate di recente che per quelle preesistenti.

Non potendo accedere all’assistenza sanitaria dal vivo molte persone hanno cercato supporto online, segnalando l’urgente necessità di rendere disponibili e facilmente accessibili strumenti digitali affidabili ed efficaci. Tuttavia, lo sviluppo e l’implementazione di interventi digitali rimane una sfida importante nei paesi e negli ambienti con risorse limitate.