Attualità

Ucraina. Per il filosofo Cacciari: “Ci vuole nuova Yalta, grandi potenze devono incontrarsi e stabilire zone neutrali”

Massimo Cacciari si è poi esposto affermando come ci voglia una "nuova Yalta” e fornendo il proprio punto di vista sul ruolo dell’Europa: "Ci vuole una nuova Yalta,

Il professor Massimo Cacciari, filosofo, politico e accademico nostrano, è intervenuto stamane ai microfoni della radiotrasmissione “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus per parlare, e fornire il proprio parere, sulla drammatica guerra in Ucraina.

“Ci troviamo di fronte all’aggressione di uno stato sovrano, dunque la pace è trattabile solo se la potenza che ha invaso mostra con chiarezza che intende ritirarsi. Ma, perché questo avvenga, occorre che ci sia disponibilità a trattare. La guerra finisce sempre o con la vittoria di una delle contendenti oppure con una trattativa tra le due” ha esordito il filosofo ed ex sindaco di Venezia.

Cacciari si è poi soffermato parlando sul “problema” della comunicazione odierna: “Sono stupefatto da un certo linguaggio. Il linguaggio in politica ha un suo peso. Anche se penso che il mio oppositore politico abbia torto marcio, se voglio arrivare a una pace concordata con lui non posso dargli in continuazione del bandito o del criminale. Lasciamo perdere Di Maio, ma sono le parole di Joe Biden a preoccuparmi. Ovviamente mi auguro che dietro queste parole di Biden, ci siano all’opera persone che stiano portando avanti le trattative. Di sicuro, si tratta di un linguaggio diverso rispetto a quello che la diplomazia americana ha sempre avuto in situazioni simili. Ai tempi del Vietnam, nessun presidente USA ha usato termini di questo tipo verso i russi”.

Il filosofo, si è poi soffermato sull’importante ruolo del nucleare all’interno di questo conflitto: “Chi ci ha salvato dalla Terza Guerra Mondiale è l’atomica. La più straordinaria arma di pace che l’uomo abbia inventato, questo bisogna ammetterlo. Senza di essa avremmo avuto la guerra per la crisi dei missili di Cuba, per la Corea e per tante altre situazioni dopo la Seconda Guerra Mondiale, è inutile negarlo. Ma non possiamo continuare così”.

Massimo Cacciari si è poi esposto affermando come ci voglia una “nuova Yalta” e fornendo il proprio punto di vista sul ruolo dell’Europa: “Ci vuole una nuova Yalta, le grandi potenze devono incontrarsi e stabilire zone neutrali, cuscinetti di protezione, quali zone de-militarizzare. Possibile che siamo caduti così in basso? Queste sono le stesse potenze che insieme ci hanno salvato dai nazisti. Dovrebbero essere a quell’altezza. L’Europa vuole giocare il suo ruolo? Facesse da ponte tra queste potenze (Stati Uniti, Russia e Cina). Questo dovrebbe essere il suo ruolo, non quello militare, che fa ridere, senza nemmeno un esercito comune”.

Infine, concludendo il suo intervento, l’ex Sindaco di Venezia ha commentato la possibilità che Germania e la Merkel guidino le trattative: “Alcuni invocano Angela Merkel per intervenire sulla questione ma lei ormai è in pensione. Però è ovvio che si rivolgano a lei, che ha grande conoscenza di quel mondo e parla russo. Ma questa è storia che si ignora. Noi abbiamo Di Maio come ministro degli esteri, cosa ne sa dei rapporti storici tra le nazioni di quella parte d’Europa? Solo la Germania può fare da leader europeo in questo senso. Nemmeno la Francia può farlo, perché fu lei la causa del fallimento della politica europea comune sulla sicurezza: avendo la sua atomica, la Francia ha preferito andare da sola”.

Secolo Trentino