Attualità

Wikipedia ha cancellato la pagina precedentemente dedicata al Professor Alessandro Orsini

Wikipedia cancella ogni traccia di Alessandro Orsini. Non che personalmente io utilizzi Wikipedia, per carità, ci mancherebbe, però è importante capire che, fino a qualche giorno fa, il professore della LUISS era ritenuto idoneo per comparire in questo calderone che ammassa materiale di varia natura, adesso non lo è più. Sic transit gloria mundi. Martina Cecco

Sapere chi egli sia aiuta a capire le ragioni della censura: Alessandro Orsini è direttore e fondatore dell’Osservatorio sulla Sicurezza Internazionale della LUISS e del quotidiano Sicurezza Internazionale.

È professore associato nel Dipartimento di Scienze Politiche della Luiss, dove insegna Sociologia generale e Sociology of Terrorism. I suoi libri sono stati pubblicati dalle maggiori università americane e i suoi articoli sono apparsi sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali specializzate in studi sul terrorismo.

È specializzato in strategie di ingresso in gruppi violenti motivati da odio ideologico. Ha ricevuto l’idoneità scientifica nazionale di professore ordinario in sociologia generale. È stato nominato membro della commissione del governo per lo studio dell’estremismo jihadista con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri nel 2016. È Research Affiliate al Massachusetts Institute of Technology dal 2011, dove è stato Visiting Scholar nel Department of Political Science e al Center for International Studies. È membro del comitato “scenari futuri” dello Stato Maggiore della Difesa. È membro del comitato scientifico della rivista “Studies in Conflict and Terrorism” (fascia A anvur). È membro del Radicalization Awareness Network, istituito dalla Commissione Europea per studiare e prevenire i processi di radicalizzazione verso il terrorismo.

Un bel curriculum vitae per la WHO IS WHO in the world:

È stato direttore del Centro per lo Studio del Terrorismo dell’Università di Roma “Tor Vergata” dal 2013 al 2016. È stato invitato a presentare i suoi studi in numerose università americane. Tra queste, Harvard, MIT, Johns Hopkins, Brookings Institution, Trinity College, Boston College, New York University, ma anche a Madrid, presso la Fundación para el Análisis y los Estudios Sociales (FAES); in Lituania presso l’Institute of International Relations and Political Science (IIRPS) dell’Università di Vilnius e poi in Turchia, Francia, Inghilterra e Ungheria.

Però non è presente su wikipedia! 🙂

Altre notizie QUI

Secolo Trentino