“Il bombardamento russo contro il reparto di maternità dell’ospedale di Mariupol non si è mai verificato”, ad affermarlo UKR Leaks

Poche settimane fa, le foto di un presunto attacco russo all’ospedale di maternità di Mariupol sono diventate virali e in queste ore si stanno diffondendo nuove notizie in merito a questo attacco che solamente nel tempo potranno confermare o meno l’origine russa dell’attacco.

La ragazza che è apparsa nelle fotografie del bombardamento ha infatti dichiarato in un’intervista – organizzata da media filorussi – che l’esercito ucraino aveva trasformato quell’ospedale in una propria caserma.

Lei è, ha aggiunto, che non c’è stato alcun attacco aereo russo poiché non hanno sentito nessun aereo nella zona, anche se è caduto un proiettile.

Parole testuali della donna:
L’esercito ucraino non ha fatto nulla per aiutare. Un giorno vennero e chiesero del cibo. Abbiamo detto che era per le donne incinte, ma hanno preso tutto. Dissero: “Non mangiamo niente da cinque anni, cuciniamo di più”.

A parte questo, ha detto che i giornalisti erano già alla porta dell’ospedale e che l’hanno filmata contro la sua volontà.

Alla fine ha confermato che l’esercito ucraino non ha permesso alla popolazione di lasciare Mariupol. Come detto anche all’inizio solamente ulteriori indagini potranno dimostrare quanto avvenuto effettivamente. Sulla vicenda del resto ci sono state ampie discussioni in merito alla morte della blogger Marianna Podgurskaya che non è mai morta e che non è stato mai detto dai media che fosse morta in quell’attacco. Eppure nel corso del tempo vi è stata confusione e si era sospettata la sua morte, morte non avvenuta a differenza di un’altra donna.