Sergey Karaganov: la dottrina Putin

Il 24 febbraio, sull’onda dell’offensiva russa in Ucraina, è apparso sul sito inglese Russia Today, l’articolo “La dottrina di Putin” di Sergey Karaganov, pubblicato in lingua russa circa una settimana prima. Karaganov è una delle “eminenze grigie” della politica estera russa e l’articolo merita pertanto di essere attentamente letto per capire quali siano gli obiettivi della Russia in vista del confronto con le potenze marittime anglosassoni.

Commento

L’articolo è piuttosto lungo. Ne redigiamo una breve sintesi cercando di estrapolare i punti salienti. Karaganov afferma che la Russia è entrata in una nuova fase della sua politica estera, quella che lui chiama “distruzione costruttiva”, termine che sostituisce il più noto concetto di “revisionismo”: Mosca non è soddisfatta del sistema internazionale scritto dopo la dissoluzione dell’URSS e si sente ormai sufficientemente forte per contestarlo apertamente. Tale revisione deve essere condotta attraverso una stretta collaborazione con la Cina: in nessun caso Mosca deve permettere una sconfitta di Pechino (e viceversa, ovviamente!) e non è neppure esclusidile un’alleanza militare formale dalla durata di 5 anni. Tale revisionismo dovrebbe sfociare nella “Grande Eurasia” controllata da Mosca: si tratta del classico impero, alias zona d’influenza, alias “grande spazio”, in cui la Russia assume il ruolo di nazione guida e civilizzatrice e non tollera ingerenze straniere, specie se destabilizzanti. Karaganov non fornisce confini precisi alla Grande Eurasia ma, evidenziando che il futuro della Russia è la regione siberiana e che l’assoggetamento totale dell’Ucraina è dannoso e persino superfluo, lascia intendere che questo “grande spazio” si estenderà dall’Europa sarmatica sino alle nazioni turcofone dell’Asia centrale. Ciò, ovviamente, lascerebbe libertà di manovra ad una o più potenze europee per l’organizzazione dell’Europa centrale ed occidentale. Karaganov, inoltre, sorvola su un altro concetto implicito nelle sue affermazioni: ad una Grande Eurasia supervisionata da Mosca, corrisponderebbe una “Grande Asia orientale” (termine di nostra invenzione) supervisionata da Pechino. Su un punto, però, Karaganov è chiaro: il futuro sistema di sicurezza in Europa dovrà essere euro-asiatico e non più euro-atlantico. Ne deriva che l’influenza anglosassone sul Continente dovrà essere sradicata e creato un sistema di sicurezza “interno” all’Eurasia, rivolto quindi contro le minacce “esterne”, provenienti dagli Oceani. Karaganov si dice ottimista sull’esito del conflitto contro “l’Occidente”, ossia le potenze marittime anglosassoni, e non possiamo che condividere l’analisi.

Nihil difficile volenti!

Buona lettura.

Dottrina Putin

Sembra che la Russia sia entrata in una nuova era della sua politica estera: una “distruzione costruttiva”, chiamiamola così, del precedente modello di relazioni con l’Occidente. Parti di questo nuovo modo di pensare sono state viste negli ultimi 15 anni – a cominciare dal famoso discorso di Monaco di Vladimir Putin nel 2007 – ma molto sta diventando chiaro solo ora. Allo stesso tempo, gli sforzi poco brillanti per integrarsi nel sistema occidentale, pur mantenendo un atteggiamento ostinatamente difensivo, sono rimasti la tendenza generale nella politica e nella retorica russa.

La distruzione costruttiva non è aggressiva. La Russia sostiene che non attaccherà nessuno o lo farà saltare in aria, semplicemente non è necessario. Il mondo esterno offre alla Russia sempre più opportunità geopolitiche per lo sviluppo a medio termine così com’è. Con una grande eccezione. L’espansione della NATO e l’inclusione formale o informale dell’Ucraina rappresentano un rischio per la sicurezza del paese che Mosca semplicemente non accetterà.

Per ora, l’Occidente è sulla buona strada per una lenta ma inevitabile decadenza, sia in termini di affari interni ed esterni che anche in termini economici. Ed è proprio per questo che ha dato inizio a questa nuova Guerra Fredda dopo quasi cinquecento anni di dominio della politica, dell’economia e della cultura mondiale. Soprattutto dopo la sua vittoria decisiva negli anni ’90 e metà degli anni 2000. Credo che molto probabilmente perderà, dimettendosi da leader globale e diventando un partner più ragionevole. E non in un momento troppo vicino: la Russia dovrà riequilibrare i rapporti con una Cina amica, ma sempre più potente.

Attualmente, l’Occidente cerca disperatamente di difendersi da questo con una retorica aggressiva. Cerca di consolidarsi, giocando le sue ultime carte vincenti per invertire questa tendenza. Una di queste è usare l’Ucraina per danneggiare e neutralizzare la Russia. È importante impedire che questi tentativi convulsi si trasformino in una vera e propria situazione di stallo e contrastare le attuali politiche USA e NATO. Sono controproducente e pericolose, anche se relativamente poco impegnativi per chi le conduce. Dobbiamo ancora convincere l’Occidente che sta solo facendo del male a se stesso.

Un’altra carta vincente è il ruolo dominante dell’Occidente nel sistema di sicurezza euro-atlantico esistente, istituito in un momento in cui la Russia era gravemente indebolita a seguito della Guerra Fredda. C’è del merito nel cancellare gradualmente questo sistema, principalmente rifiutando di prendervi parte e rispettando le sue regole obsolete, che per noi sono intrinsecamente svantaggiose. Per la Russia, il percorso occidentale dovrebbe diventare secondario rispetto alla sua diplomazia eurasiatica. Il mantenimento di relazioni costruttive con i paesi della parte occidentale del continente può facilitare l’integrazione nella Grande Eurasia per la Russia. Il vecchio sistema però è d’intralcio e quindi dovrebbe essere smantellato.

Sarebbe bello se avessimo più tempo per farlo. Ma la storia mostra che, dal crollo dell’URSS 30 anni fa, poche nazioni post-sovietiche sono riuscite a diventare veramente indipendenti. E alcuni potrebbero anche non arrivarci mai, per vari motivi. Questo è un argomento per un’analisi futura. In questo momento, posso solo sottolineare l’ovvio: la maggior parte delle élite locali non ha l’esperienza storica o culturale della costruzione dello stato. Non sono mai stati in grado di diventare il fulcro della nazione – non hanno avuto abbastanza tempo per questo. Quando lo spazio intellettuale e culturale condiviso è scomparso, ha danneggiato di più i piccoli paesi. Le nuove opportunità per costruire legami con l’Occidente non si sono rivelate sostitutive. Coloro che si sono trovati al timone di tali nazioni hanno venduto il loro paese a proprio vantaggio, perché non c’era un’idea nazionale per cui lottare.

La maggior parte di questi paesi seguirà l’esempio degli Stati baltici, accettando il controllo esterno, o continuerà a perdere il controllo, cosa che in alcuni casi può essere estremamente pericolosa.

La domanda è: come “unire” le nazioni nel modo più efficiente e vantaggioso per la Russia, tenendo conto dell’esperienza zarista e sovietica, quando la sfera di influenza è stata estesa oltre ogni ragionevole limite e poi tenuta insieme a spese del nucleo nazionale russo?

Lasciamo per un altro giorno la discussione sull’“unificazione” che la storia ci impone. Questa volta, concentriamoci sulla necessità oggettiva di prendere una decisione difficile e adottare la politica della “distruzione costruttiva”.

LE PIETRE MILIARI CHE ABBIAMO SUPERATO

Oggi assistiamo all’inizio della quarta era della politica estera russa. Il primo è iniziato alla fine degli anni ’80, ed è stato un periodo di debolezza e delusioni. La nazione aveva perso la voglia di combattere, la gente voleva credere alla democrazia e l’Occidente sarebbe venuto a salvarli [2]. Tutto si è concluso nel 1999 dopo le prime ondate di espansione della NATO, vista dai russi come una pugnalata alle spalle, quando l’Occidente ha smembrato ciò che restava della Jugoslavia.

Poi la Russia ha iniziato a rialzarsi e a ricostruire, di nascosto e dissimulando, pur apparendo amichevole e umile. Il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato ABM ha segnalato la loro intenzione di riconquistare il dominio strategico, quindi la Russia ancora al verde ha preso la decisione fatale di sviluppare sistemi d’arma per sfidare le aspirazioni americane. Il discorso di Monaco, la guerra georgiana e la riforma dell’esercito, condotti nel mezzo di una crisi economica globale che segnò la fine dell’imperialismo globalista liberale occidentale (termine coniato da un eminente esperto di affari internazionali, Richard Sakwa) ha segnato il nuovo obiettivo per la politica estera russa, per diventare ancora una volta una potenza mondiale leader in grado di difendere la propria sovranità e i propri interessi. A ciò sono seguiti gli eventi in Crimea, in Siria, il riarmo e le manovre per sventare le interferenze dell’Occidente dall’interferire negli affari interni della Russia, sradicando dal servizio pubblico coloro che hanno collaborato con l’Occidente a svantaggio della loro patria. Man mano che le tensioni crescevano, guardare all’Occidente e mantenere le risorse lì diventa sempre meno redditizio.

L’incredibile ascesa della Cina e il suo allearsi di fatto con Pechino a partire dagli anni 2010, il pivot verso est, e la crisi multidimensionale che ha avvolto l’Occidente hanno portato a un grande cambiamento nell’equilibrio politico e geoeconomico a favore della Russia. Ciò è particolarmente pronunciato in Europa. Solo un decennio fa, l’UE vedeva la Russia come una periferia arretrata e debole del continente che cercava di fare i conti con le grandi potenze. Ora sta cercando disperatamente di aggrapparsi all’indipendenza geopolitica e geoeconomica che gli sta scivolando tra le dita.

Il periodo del “ritorno alla grandezza” si è concluso tra il 2017 e il 2018. Successivamente, la Russia ha raggiunto un punto fermo. La modernizzazione è continuata, ma l’economia debole ha minacciato i suoi risultati. Le persone (me compreso) erano frustrate, temendo che la Russia ancora una volta avrebbe “strappato la sconfitta dalle fauci della vittoria”. Ma quello si è rivelato essere un altro periodo di crescita, principalmente in termini di capacità di difesa.

L’ultimatum che la Russia ha emesso agli Stati Uniti e alla NATO alla fine del 2021, chiedendo loro di interrompere lo sviluppo di infrastrutture militari vicino ai confini russi e l’espansione a est, ha segnato l’inizio della “distruzione costruttiva”. L’obiettivo non è semplicemente fermare la debole, seppur pericolosissima inerzia della spinta geostrategica dell’Occidente, ma anche iniziare a gettare le basi per un nuovo tipo di relazioni tra Russia e Occidente, diverso da quello su cui ci siamo stabiliti negli anni ’90.

Le capacità militari della Russia, il ritorno del senso di rettitudine morale, le lezioni apprese dagli errori del passato e una stretta alleanza con la Cina potrebbero significare che l’Occidente, che ha scelto il ruolo di avversario, inizierà a essere ragionevole, anche se non sempre. Quindi, tra un decennio o prima, spero, verrà costruito un nuovo sistema di sicurezza e cooperazione internazionale, che questa volta includerà l’intera Grande Eurasia, e sarà basato sui principi delle Nazioni Unite e sul diritto internazionale, non su “regole” unilaterali che l’Occidente ha cercato di imporre al mondo negli ultimi decenni.

CORREGGERE GLI ERRORI

Prima di andare oltre, lasciatemi dire che ho un’ottima opinione della diplomazia russa: è stata assolutamente brillante negli ultimi 25 anni. Mosca ha ricevuto una mano debole, ma è comunque riuscita a giocare un’ottima partita. In primo luogo, non ha permesso all’Occidente di “chiudere la partita”. La Russia ha mantenuto il suo status formale di grande paese, mantenendo l’appartenenza permanente al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e mantenendo arsenali nucleari. Poi ha gradualmente migliorato la sua posizione globale facendo leva sui punti deboli dei suoi rivali e sui punti di forza dei suoi partner. Costruire una forte amicizia con la Cina è stato un risultato importante. La Russia ha alcuni vantaggi geopolitici che l’Unione Sovietica non aveva. A meno che, ovviamente, non torni alle aspirazioni di diventare una superpotenza globale, che alla fine ha rovinato l’URSS.

Tuttavia, non dobbiamo dimenticare gli errori che abbiamo commesso per non ripeterli. Sono state la nostra pigrizia, debolezza e inerzia burocratica che hanno contribuito a creare e mantenere a galla il sistema ingiusto e instabile di sicurezza europea che abbiamo oggi.

La Carta di Parigi per una Nuova Europa, dalla bella formulazione, firmata nel 1990 conteneva una dichiarazione sulla libertà di associazione: i paesi potevano scegliere i loro alleati, cosa che sarebbe stata impossibile ai sensi della Dichiarazione di Helsinki del 1975. Poiché a quel punto il Patto di Varsavia era al capolinea, questa clausola significava che la NATO sarebbe stata libera di espandersi. Questo è il documento a cui tutti continuano a fare riferimento, anche in Russia. Nel 1990, tuttavia, la NATO poteva almeno essere considerata un’organizzazione di “difesa”. Da allora l’alleanza e la maggior parte dei suoi membri hanno lanciato una serie di campagne militari aggressive – contro i resti della Jugoslavia, così come in Iraq e Libia.

Dopo una chiacchierata a cuore aperto con Lech Walesa nel 1993, Boris Eltsin firmò un documento in cui affermava che la Russia “aveva compreso il piano della Polonia di aderire alla NATO”. Quando Andrey Kozyrev, all’epoca ministro degli Esteri russo, venne a conoscenza dei piani di espansione della NATO nel 1994, iniziò un processo di trattativa per conto della Russia senza consultare il presidente russo. L’altra parte lo ha interpretato come un segno che la Russia era d’accordo con il concetto generale, dal momento che stava cercando di negoziare condizioni accettabili. Nel 1995 Mosca ha tirato i freni, ma era troppo tardi: la diga è esplosa e ha spazzato via ogni riserva sugli sforzi di espansione dell’Occidente.

Nel 1997 la Russia, essendo economicamente debole e completamente dipendente dall’Occidente, ha firmato “l’Atto istitutivo sulle relazioni reciproche, la cooperazione e la sicurezza con la NATO”. Mosca è stata in grado di ottenere alcune concessioni dall’Occidente, come l’impegno a non schierare grandi unità militari nei nuovi Stati membri. La NATO ha costantemente violato questo obbligo. Un altro accordo era di mantenere questi territori liberi dalle armi nucleari. Gli Stati Uniti non l’avrebbero comunque voluto, perché avevano cercato di prendere le distanze il più possibile da un potenziale conflitto nucleare in Europa (malgrado la volontà dei loro alleati), poiché avrebbe senza dubbio causato un attacco nucleare contro l’America. In realtà, il documento legittimava l’espansione della NATO.

C’erano altri errori – non così gravi ma comunque estremamente dolorosi. La Russia ha partecipato al programma Partnership for Peace, il cui unico scopo era far sembrare che la NATO fosse pronta ad ascoltare Mosca, ma in realtà l’alleanza stava usando il progetto per giustificarne l’esistenza e l’ulteriore espansione. Un altro passo falso frustrante è stato il nostro coinvolgimento nel Consiglio NATO-Russia dopo l’aggressione in Jugoslavia. Gli argomenti discussi a quel livello mancavano disperatamente di sostanza. Avrebbero dovuto concentrarsi sulla questione veramente significativa: frenare l’espansione dell’alleanza e la costruzione della sua infrastruttura militare vicino ai confini russi. Purtroppo, questo non è mai arrivato all’ordine del giorno. Il Consiglio ha continuato ad operare anche dopo che la maggioranza dei membri della NATO ha iniziato una guerra in Iraq e poi in Libia nel 2011.

È davvero un peccato che non abbiamo mai avuto il coraggio di dirlo apertamente: la NATO era diventata un aggressore che ha commesso numerosi crimini di guerra. Questa sarebbe stata una verità che fa riflettere per vari circoli politici in Europa, come ad esempio in Finlandia e Svezia, dove alcuni stanno valutando i vantaggi di entrare a far parte dell’organizzazione. E tutti gli altri del resto, con il loro mantra sul fatto che la NATO sia un’alleanza di difesa e deterrenza che deve essere ulteriormente consolidata in modo da poter resistere contro nemici immaginari.

Capisco quelli in Occidente che sono abituati al sistema esistente che consente agli americani di acquistare l’obbedienza dei loro partner minori, e non solo in termini di supporto militare, mentre questi alleati possono risparmiare sulle spese di sicurezza vendendo parte della loro sovranità. Ma cosa ci guadagniamo da questo sistema? Soprattutto ora che è diventato ovvio che genera e intensifica il confronto ai nostri confini occidentali e nel mondo intero?

Il blocco è una minaccia anche per i suoi membri. Pur provocando il confronto, in realtà non garantisce protezione. Non è vero che l’articolo 5 del Trattato del Nord Atlantico giustifichi la difesa collettiva se un alleato viene attaccato. Questo articolo non dice che questo è automaticamente garantito. Conosco la storia del blocco e le discussioni in America riguardo alla sua istituzione. So per certo che gli Stati Uniti non dispiegheranno mai armi nucleari per “proteggere” i loro alleati in caso di conflitto con uno stato nucleare.

Anche l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) è obsoleta. È dominata dalla NATO e dall’UE che utilizzano l’organizzazione per trascinare il confronto e imporre i valori e gli standard politici dell’Occidente a tutti gli altri. Fortunatamente, questa politica sta diventando sempre meno efficace. A metà degli anni 2010 ho avuto la possibilità di lavorare con il Gruppo di eminenti personalità dell’OSCE (che nome!), che avrebbe dovuto sviluppare un nuovo mandato per l’organizzazione. E se prima avevo i miei dubbi sull’efficacia dell’OSCE, questa esperienza mi ha convinto che si tratta di un’istituzione estremamente distruttiva. È un’organizzazione antiquata con la missione di preservare cose obsolete. Negli anni ’90 è servito come strumento per seppellire qualsiasi tentativo compiuto dalla Russia o da altri per creare un sistema di sicurezza europeo comune; negli anni 2000, il cosiddetto Processo di Corfù ha impantanato la nuova iniziativa di sicurezza della Russia.

Praticamente tutte le istituzioni delle Nazioni Unite sono state espulse dal continente, compresa la Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite, il suo Consiglio per i diritti umani e il Consiglio di sicurezza. Un tempo l’OSCE era considerata un’organizzazione utile che avrebbe promosso il sistema e i principi delle Nazioni Unite in un subcontinente chiave. Non è successo.

Per quanto riguarda la NATO, è molto chiaro cosa dobbiamo fare. Dobbiamo minare la legittimità morale e politica del blocco e rifiutare qualsiasi partnership istituzionale, poiché la sua controproduttività è evidente. Solo i militari dovrebbero continuare a comunicare, ma come canale ausiliario che integri il dialogo con il DOD e i ministeri della difesa delle principali nazioni europee. Dopotutto, non è Bruxelles a prendere decisioni strategicamente importanti.

La stessa politica potrebbe essere adottata quando si tratta dell’OSCE. Sì, c’è una differenza, perché anche se questa è un’organizzazione distruttiva, non ha mai avviato guerre, destabilizzazioni o assassinii. Quindi dobbiamo ridurre al minimo il nostro coinvolgimento in questo formato. Alcuni dicono che questo è l’unico contesto che offre al ministro degli Esteri russo la possibilità di vedere i suoi omologhi. Quello non è vero. L’ONU può offrire un contesto ancora migliore. I colloqui bilaterali sono comunque molto più efficaci, perché è più facile per il blocco dirottare l’agenda quando c’è una moltitudine di parti coinvolte. Anche l’invio di osservatori e forze di pace attraverso le Nazioni Unite avrebbe molto più senso.

L’articolo limitato non mi consente di soffermarmi su politiche specifiche per ciascuna organizzazione europea, come ad esempio il Consiglio d’Europa. Ma definirei il principio generale in questo modo: collaboriamo dove vediamo vantaggi per noi stessi e manteniamo le distanze altrimenti.

Trent’anni nell’attuale sistema delle istituzioni europee hanno dimostrato che continuare con esso sarebbe stato dannoso. La Russia non beneficia in alcun modo della disposizione dell’Europa ad alimentare il confronto o addirittura a rappresentare una minaccia militare per il subcontinente e il mondo intero. In passato, potevamo sognare che l’Europa ci avrebbe aiutato a rafforzare la sicurezza, nonché la modernizzazione politica ed economica. Invece, stanno minando la sicurezza, quindi perché dovremmo copiare il sistema politico disfunzionale e decadente dell’Occidente? Abbiamo davvero bisogno di questi nuovi valori che hanno adottato?

Dovremo limitare l’espansione rifiutandoci di cooperare all’interno di un sistema in erosione. Se tutto va bene, prendendo una posizione ferma e lasciando i nostri vicini della civiltà dell’Occidente a se stessi, li aiuteremo davvero. Le élite potrebbero tornare a una politica meno suicida che sarebbe più sicura per tutti. Ovviamente, dobbiamo essere intelligenti nel toglierci dall’equazione e assicurarci di ridurre al minimo i danni collaterali che inevitabilmente il sistema fallimentare causerà. Ma mantenerlo nella sua forma attuale è semplicemente pericoloso.

POLITICHE PER LA RUSSIA DI DOMANI

Mentre l’ordine globale esistente continua a sgretolarsi, sembra che la via più prudente per la Russia sarebbe quella di restare fuori il più a lungo possibile, ripararsi all’interno delle mura della sua “fortezza neo-isolazionista” e occuparsi di questioni interne. Ma questa volta, la storia ci chiede di agire. Molti dei miei suggerimenti riguardo all’approccio di politica estera che ho provvisoriamente chiamato “distruzione costruttiva” emergono naturalmente dall’analisi presentata sopra.

Non c’è bisogno di interferire o cercare di influenzare le dinamiche interne dell’Occidente, le cui élite sono abbastanza disperate da iniziare una nuova guerra fredda contro la Russia. Quello che dovremmo fare invece è utilizzare vari strumenti di politica estera, compresi quelli militari, per stabilire alcune linee rosse. Nel frattempo, mentre il sistema occidentale continua a orientarsi verso il degrado morale, politico ed economico, le potenze non occidentali (con la Russia come attore principale) vedranno inevitabilmente rafforzarsi le loro posizioni geopolitiche, geoeconomiche e geoideologiche.

I nostri partner occidentali, prevedibilmente, cercano di reprimere le richieste della Russia di garanzie di sicurezza e di sfruttare il processo diplomatico in corso per prolungare la durata delle proprie istituzioni. Non c’è bisogno di rinunciare al dialogo o alla cooperazione in materia di commercio, politica, cultura, istruzione e sanità, ogniqualvolta sia utile. Ma dobbiamo anche usare il tempo che abbiamo per aumentare la pressione politico-militare, psicologica e persino tecnico-militare – non tanto sull’Ucraina, il cui popolo è stato trasformato in carne da cannone per una nuova Guerra Fredda – ma sul Occidente collettivo, per costringerlo a cambiare idea e a fare un passo indietro rispetto alle politiche che ha perseguito negli ultimi decenni. Non c’è nulla da temere nell’escalation del confronto: abbiamo visto crescere le tensioni anche mentre la Russia cercava di apparire nel mondo occidentale. Quello che dovremmo fare è prepararci a un più forte respingimento da parte dell’Occidente; Inoltre, la Russia dovrebbe essere in grado di offrire al mondo un’alternativa a lungo termine: un nuovo quadro politico basato sulla pace e sulla cooperazione.

Naturalmente, è utile ricordare di tanto in tanto ai nostri partner che esiste un’alternativa reciprocamente vantaggiosa a tutto ciò.

Se la Russia metterà in atto politiche ragionevoli ma decise (anche a livello nazionale), supererà con successo (e in modo relativamente pacifico) l’ultima ondata di ostilità occidentale. Come ho scritto prima, abbiamo buone possibilità di vincere questa Guerra Fredda.

Ciò che ispira anche l’ottimismo è il record passato della Russia: siamo riusciti più di una volta a domare le ambizioni imperiali delle potenze straniere – per il nostro bene e per il bene dell’umanità nel suo insieme. La Russia è stata in grado di trasformare aspiranti imperi in vicini addomesticati e relativamente innocui: la Svezia dopo la battaglia di Poltava, la Francia dopo Borodino, la Germania dopo Stalingrado e Berlino.

Possiamo trovare uno slogan per la nuova politica russa nei confronti dell’Occidente in un verso di “Gli Sciti” di Alexander Blok, una poesia brillante che sembra particolarmente attuale oggi: “Unisciti a noi, allora! Lascia la guerra e gli allarmi della guerra, / E afferra la mano della pace e dell’amicizia. / Finché c’è ancora tempo, compagni, abbassate le braccia! / Uniamoci in vera fraternità!”

Nel tentativo di sanare le nostre relazioni con l’Occidente (anche se ciò richiede una medicina amara), dobbiamo ricordare che, sebbene culturalmente vicino a noi, il mondo occidentale sta finendo il suo tempo. È essenzialmente in “modalità di controllo dei danni”, cercando la cooperazione quando possibile. Le vere prospettive e sfide del nostro presente e futuro risiedono nell’est e nel sud. Prendere una linea più dura con le nazioni occidentali non deve distrarre la Russia dal mantenere il suo perno verso est. E abbiamo visto questo perno rallentare negli ultimi due o tre anni, specialmente quando si tratta di sviluppare territori al di là dei Monti Urali.

Non dobbiamo permettere che l’Ucraina diventi una minaccia alla sicurezza per la Russia. Detto questo, sarebbe controproducente spendervi troppe risorse amministrative e politiche (per non dire economiche). La Russia deve imparare a gestire attivamente questa situazione instabile, a mantenerla entro i limiti. La maggior parte dell’Ucraina è stata sterilizzata dalla propria élite antinazionale, corrotta dall’Occidente e infettata dal patogeno del nazionalismo militante.

Sarebbe molto più efficace investire in Oriente, nello sviluppo della Siberia. Creando condizioni di lavoro e di vita favorevoli, attireremo non solo cittadini russi, ma anche persone provenienti da altre parti dell’ex impero russo, compresi gli ucraini. Questi ultimi, storicamente, hanno contribuito moltissimo allo sviluppo della Siberia.

Consentitemi di ribadire un punto dei miei altri articoli: è stata l’incorporazione della Siberia sotto Ivan il Terribile che ha reso la Russia una grande potenza, non l’adesione dell’Ucraina sotto Aleksey Mikhaylovich, noto con il soprannome di “il più pacifico”. È giunto il momento di smetterla di ripetere l’affermazione falsa e così sorprendentemente polacca di Zbigniew Brzezinski secondo cui la Russia non può essere una grande potenza senza l’Ucraina. Il contrario è molto più vicino alla verità: la Russia non può essere una grande potenza quando è gravata da un’Ucraina sempre più ingombrante, un’entità politica creata da Lenin che in seguito si espanse verso ovest sotto Stalin.

Il percorso più promettente per la Russia è lo sviluppo e il rafforzamento dei legami con la Cina. Una partnership con Pechino moltiplicherà molte volte il potenziale di entrambi i paesi. Se l’Occidente continua con le sue politiche amaramente ostili, non sarebbe irragionevole considerare un’alleanza temporanea di difesa di cinque anni con la Cina. Naturalmente bisogna anche stare attenti a non avere le ‘vertigini di successo’ sulla pista cinese, per non tornare al modello medievale del Regno di Mezzo della Cina, cresciuto trasformando i suoi vicini in vassalli. Dovremmo aiutare Pechino in ogni modo possibile per evitare che subisca una sconfitta anche momentanea nella nuova Guerra Fredda scatenata dall’Occidente. Questa sconfitta indebolirebbe anche noi. Inoltre, sappiamo fin troppo bene in cosa si trasforma l’Occidente quando pensa di vincere. Ci sono voluti alcuni duri rimedi per curare la sbornia dell’America dopo che si era ubriacata di potere negli anni ’90.

Chiaramente, una politica orientata all’Est non deve concentrarsi esclusivamente sulla Cina. Sia l’Est che il Sud sono sempre più rilevanti nella politica, nell’economia e nella cultura globali, il che è in parte dovuto al nostro indebolimento della superiorità militare dell’Occidente, la fonte primaria dei suoi 500 anni di egemonia.

Quando arriverà il momento di stabilire un nuovo sistema di sicurezza europeo che sostituisca quello esistente pericolosamente obsoleto, lo si dovrà fare nel quadro di un più grande progetto eurasiatico. Nulla di utile può nascere dal vecchio sistema euro-atlantico.

È evidente che il successo richiede lo sviluppo e la modernizzazione del potenziale economico, tecnologico e scientifico del paese, tutti pilastri della potenza militare di un paese, che rimane la spina dorsale della sovranità e della sicurezza di qualsiasi nazione. La Russia non può avere successo senza migliorare la qualità della vita per la maggior parte della sua popolazione: questo include prosperità generale, assistenza sanitaria, istruzione e ambiente.

La restrizione delle libertà politiche, inevitabile di fronte all’Occidente collettivo, non deve in alcun modo estendersi alla sfera intellettuale. Questo è difficile ma realizzabile. Per la parte della popolazione talentuosa e creativa che è pronta a servire il proprio paese, dobbiamo preservare quanta più libertà intellettuale possibile. Lo sviluppo scientifico attraverso le “sharashka” in stile sovietico (laboratori di ricerca e sviluppo che operano all’interno del sistema dei campi di lavoro sovietici) non è qualcosa che funzionerebbe nel mondo moderno. La libertà accresce i talenti del popolo russo e l’inventiva scorre nel nostro sangue. Anche in politica estera, la libertà dai vincoli ideologici di cui godiamo ci offre enormi vantaggi rispetto ai nostri vicini più chiusi. La storia ci insegna che la brutale restrizione della libertà di pensiero imposta dal regime comunista al suo popolo ha portato l’Unione Sovietica alla rovina. La conservazione della libertà personale è una condizione essenziale per lo sviluppo di qualsiasi nazione.

(…)

Possiamo continuare a contribuire alla nostra società e al nostro paese solo rompendo i nostri vecchi schemi di pensiero. Ma per concludere con una nota ottimistica, ecco un pensiero umoristico: non è tempo di riconoscere che l’argomento dei nostri studi – affari esteri, politiche interne ed economia – è il risultato di un processo creativo che coinvolge masse e leader allo stesso modo? Riconoscere che è, in un certo senso, arte? In larga misura, sfida ogni spiegazione e deriva dall’intuizione e dal talento. E quindi siamo come esperti d’arte: ne parliamo, individuiamo tendenze e insegniamo agli artisti – alle masse e ai leader – la storia, che è loro utile. Spesso, però, ci perdiamo nel teorico, inventando idee avulse dalla realtà o distorcendola concentrandoci su frammenti separati.

A volte facciamo la storia: pensate a Evgeny Primakov oa Henry Kissinger. Hanno attinto alla loro conoscenza, esperienza personale, principi morali e intuizione. Mi piace l’idea di essere una specie di esperto d’arte, e credo che possa rendere un po’ più facile lo scoraggiante compito di rivedere i dogmi.