Attualità

Parlamentari Lega: “A22 deve rimanere in gestione al territorio, ci impegneremo per far capire al Governo importanza e strategicità di questo progetto”

“Riteniamo che la proposta di finanza di progetto presentata da Autostrada del Brennero con l’obiettivo di ottenere la nuova concessione della A22 è fondamentale e strategica non solo per il Trentino, ma anche per tutto il sistema Paese Italia”.

E’ iniziato così l’intervento con il quale, i parlamentari della Lega Diego Binelli, Vanessa Cattoi, Mauro Sutto, Martina Loss ed Elena Testor hanno voluto commentare la proposta recentemente presentata da A22 al Ministero delle infrastrutture. 

Tale proposta, da ieri sul tavolo del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, prevede un piano di investimenti da 7.2 miliardi di euro che si prefigge, per stessa ammissione dei vertici di Autostrade, di “ridisegnare la mobilità lungo l’asse Brennero-Modena” anche attraverso, tra le varie, la creazione del primo “green corridor”, l’allargamento a tre corsie del tratto Modena-Verona e l’ultimazione della terza corsia dinamica sul tratto Bolzano-Verona.

Secondo gli esponenti della Lega, il progetto di Autostrada del Brennero di voler costruire il primo “green corridor” a zero emissioni nocive e incidenti, sarebbe la giusta misura per valorizzare la mobilità sostenibile, ponendo anche l’accento sullo sviluppo e sull’implementazione dell’idrogeno.

“La nostra Regione potrà essere in questo modo il capofila in Italia di un sistema di trasporto alternativo e mobilità dolce. L’A22 deve rimanere in gestione al territorio– perché insieme alle centrali idroelettriche sono il “patrimonio” del Trentino Alto-Adige/Südtirol e come parlamentari ci impegneremo per far capire al governo l’importanza e la strategicità di questo progetto” hanno infine concluso Diego Binelli, Vanessa Cattoi, Mauro Sutto, Martina Loss ed Elena Testor.

Secolo Trentino