Parità di genere e transizione energetica, le proposte dei giovani premiate da Il Sole 24 Ore

Festival dell'Economia Le challenge de Il Sole 24 Ore Nella foto: i vincitori della challenge Visioni di futuro Data 3 giugno 2022 Luogo: PALAZZO DELLA PROVINCIA, Sala Depero Foto: PATERNOSTER Daniele - Archivio Ufficio Stampa PAT

Cerimonia di premiazione nella Sala Depero nel Palazzo della Provincia, degli studenti universitari, dottorandi e delle scuole di direzione aziendale vincitori della challenge lanciata da Il Sole 24 Ore intitolata “Visioni di Futuro”. L’iniziativa ha inteso raccogliere, valorizzando i giovani, idee e soluzioni rispetto alle grandi sfide del nostro tempo. Uno spazio aperto, un primo tassello, simbolico ma significativo, di un necessario confronto tra generazioni per la costruzione di una società più equa, inclusiva e capace di guardare al domani.

Il Comitato Scientifico del Festival ha invitato i giovani ad essere protagonisti, in sintonia con il tema di questa edizione, riguardo alla parità di genere e alla transizione energetica. Gli studenti hanno prodotto, individualmente o in gruppo, un elaborato su uno dei temi, delineandone possibili soluzioni. I lavori sono stati valutati da una commissione congiunta del Gruppo 24 Ore e dell’Università di Trento.

“Questa premiazione – ha detto il direttore de Il Sole 24 Ore Fabio Tamburini – si colloca in un grande Festival dove noto con particolare soddisfazione una forte presenza di giovani. Sono proprio le nuove generazioni la carta da giocare per il nostro presente e per il nostro futuro. I giovani hanno le energie necessarie per garantire lo sviluppo”.

Una risorsa, le nuove generazioni, da “valorizzare e ascoltare al fine di creare insieme una società più inclusiva”, come ha ribadito Mirja Cartia d’Asero, amministratrice delegata de Il Sole 24 Ore.

Nella valutazione delle proposte arrivate dai giovani, particolare attenzione è stata posta – ha spiegato la professoressa Gabriella Berloffa dell’Università di Trento – al ruolo della formazione, alla visione di lungo termine e alla trattazione del rapporto fra la condizione femminile e il lavoro.

Nel corso dell’evento, è stato inoltre presentato il premio “Impresa Sostenibile” promosso dal Gruppo Sole 24 Ore e dalla Pontificia Accademia per la vita. A moderare il tavolo di presentazione della nuova iniziativa è stata Rosalba Reggio, giornalista de Il Sole 24 Ore. Presenti, fra gli altri, anche la professoressa Marina Brogi de La Sapienza e il Vicecancelliere della Pontificia Accademia delle scienze sociali mons. Dario Edoardo Viganò.

“La sostenibilità – ha detto il presidente del Gruppo Sole 24 Ore Edoardo Garrone – è una strada segnata e obbligata per le imprese. Si è innescato un circolo virtuoso che rappresenta anche un percorso impegnativo; una strada che va necessariamente seguita anche per non restare fuori dal mercato.”

“Il premio – ha detto il direttore generale di 24 Ore System e ad di 24 Ore Eventi Federico Silvestri – guarda con particolare attenzione alle piccole e medie imprese, affinché capiscano l’importanza di investire in uno sviluppo sostenibile anche in un’ottica di proficuo investimento. E per sostenibilità – ha aggiunto – intendiamo non solo la sostenibilità ambientale, ma anche quella sociale.”

“Quando si parla di sviluppo sostenibile – ha detto il Vicecancelliere della Pontificia Accademia e delle scienze sociali mons. Dario Edoardo Viganò – è importante che le imprese siano coerenti; la sostenibilità non deve essere solo inserita nei documenti di bilancio ma deve tradursi in azioni concrete”.

Quattro le categorie del premio: sostenibilità digitale, sostenibilità ambientale, sostenibilità sociale, Resilienza. Le imprese potranno candidarsi da oggi al 31 agosto ad un massimo di due categorie. La Premiazione avverrà al Forum Sostenibilità organizzato dal Sole 24 Ore e dalla Santa Sede ad ottobre 2022. (ac)