Il prezzo del petrolio sulla Luna?

industry technology business power
Photo by Tom Fisk on Pexels.com

L’ultimo rapporto di Fitch si basa sul fatto che attualmente sia fuorviato il mercato riguardo alla realtà dell’approvvigionamento energetico. Il tutto mentre il prezzo si aggira sui 120 dollari al barile. Sebbene il rapporto riguardasse principalmente la valutazione del potenziale impatto del divieto di importazione di petrolio russo da parte dell’UE, menzionava anche che i produttori OPEC – nello specifico Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti – hanno circa 3 milioni di barili di capacità inutilizzata che potrebbero essere utilizzati per compensare la mancanza di barili russi.

Ora, questo è particolarmente interessante perché, francamente, nessuno può conoscere con certezza gli importi effettivi della capacità inutilizzata di questi paesi, semplicemente perché non esistono requisiti formali di segnalazione/monitoraggio per loro e non esistono metodi affidabili che possano in modo indipendente verificarli.

Fondamentalmente, da quando esiste l’OPEC, si limitano a “dire” ai mercati qual è la loro capacità inutilizzata e il mercato crede alla parola data, più o meno. Il problema è che l’OPEC ha un track record di sotto/sopravvalutazione della propria offerta di riserva, a seconda del loro reale interesse. La maggior parte delle volte è stato sovrastimato, per un motivo molto banale.

I produttori dell’OPEC hanno un interesse acquisito nel far credere ad altri produttori (in particolare lo scisto statunitense) che potrebbero inondare il mercato con petrolio di riserva se lo desiderano, e questo impedisce ad altri perforatori di aumentare la loro produzione, ovvero di prendere quote di mercato dall’OPEC.

Questo più o meno ha funzionato a favore dell’OPEC negli ultimi anni, anche se occasionali errori di calcolo hanno portato qualche turbolenza in passato, ma non dobbiamo meravigliarci della nostra situazione attuale. Il che, secondo qualsiasi analista del mercato energetico che si rispetti, è che l’OPEC ha una capacità inutilizzata significativamente inferiore a quella che effettivamente ammette, e ad essere sinceri, alla luce degli eventi degli ultimi 6-9 mesi, questa presunzione ha perfettamente senso .

Naturalmente, così come non possiamo verificare le scoperte di Fitch, non possiamo nemmeno verificare il contrario per i motivi spiegati sopra, ma se lo guardiamo con un filtro di buon senso, il quadro diventa abbastanza chiaro.

Ecco la cosa. Ricordo che è stato intorno all’aprile 2021 quando le pubblicazioni finanziarie hanno iniziato a citare la capacità inutilizzata dell’OPEC come una potenziale cura per gli alti prezzi del petrolio, affermando esattamente gli stessi 2-3 milioni di barili.

In questo contesto suona strano che questo numero sia più o meno lo stesso un anno dopo, questo suggerirebbe che l’OPEC non ha toccato un solo barile della loro capacità di riserva per sfruttare i prezzi alti del petrolio.

Tutto sommato, vedere un’informazione così non verificata dichiarata come un fatto nel rapporto Fitch dovrebbe sollevare alcune bandiere rosse, ma tutti noi conosciamo come è finita con i mutui subprime.