Il PPE vuole che la Croazia diventi il ventesimo paese ad adottare l’Euro

“La Croazia soddisfa tutti i criteri legali e tecnici per l’adesione alla moneta unica e il Gruppo PPE sostiene pienamente la sua adesione”, ha affermato l’eurodeputato Siegfried Mureşan, negoziatore del Rapporto facendo il punto sui progressi compiuti dalla Croazia sulla strada verso l’Eurozona che sarà adottata oggi dalla commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo.

“Il governo di Andrej Plenković ha dimostrato il suo impegno per politiche fiscali responsabili. Il rapporto debito/PIL croato è significativamente più basso che in molti paesi della zona euro, la Croazia ha un’inflazione relativamente bassa e tassi di interesse bassi, un regime valutario stabile e ha rafforzato l’indipendenza della sua banca centrale”, ha spiegato Markus Ferber, eurodeputato, portavoce del gruppo PPE sugli affari economici.

Inoltre, “rilevo che la maggior parte delle adesioni alla moneta unica sono state effettuate sotto un governo del PPE. Non è un caso: siamo un vettore di stabilità e di buona gestione economica”, ha aggiunto.

“Le riforme che il governo croato ha intrapreso negli ultimi anni hanno rafforzato l’economia e aperto la strada all’adesione alla moneta unica. È chiaro che entrare a far parte dell’Euro è un buon segnale per il Paese, le sue imprese e i suoi cittadini, così come per i singoli settori della sua economia, come il turismo. C’è anche la consapevolezza che il lavoro per mantenere l’economia forte e competitiva deve continuare dopo l’adesione”, ha affermato Mureşan.

“Il 1° gennaio 2023 la Croazia diventerà il 20° membro dell’Eurozona, sarà una risorsa per l’Eurozona, a dimostrazione della fattibilità e della fiducia nella nostra valuta comune. Ora l’obiettivo è dare il prima possibile il via libera al Paese”, hanno concluso Mureşan e Ferber.