Attualità Uncategorized

Scoperta enorme rete di siti di investimento falsi. ADUC: “Truffe articolate e raffinate”

È stata scoperta un'enorme rete di siti di investimento falsi interconnessi. Composto da oltre 11.000 domini, prende di mira in modo specifico l'Europa".

“È stata scoperta un’enorme rete di siti di investimento falsi interconnessi. Composto da oltre 11.000 domini, prende di mira in modo specifico l’Europa”.

Ad affermarlo è stata ADUC, l’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, che ha posto l’accento sul “rischio truffa” di alcuni siti di investimento falsi.

L’associazione ha poi ricordato come le truffe tramite siti di investimento falsi non siano una novità, e come, i ricercatori del Group-IB, multinazionale specializzata in cybersecurity, abbiano identificato una rete organizzata con 11.197 domini, 5.091 dei quali ancora attivi destinati ad Europa e Nord America.

“La truffa inizia con una pubblicità, anche su WhatsApp o via mail, o un post sui social media. I truffatori utilizzano testimonianze false, spesso di personaggi noti, per promuoversi, nonché account YouTube e Facebook. La vittima si imbatte in un sito che mostra opinioni e importi ricevuti inventati. Viene quindi invitata a inserire i suoi dati, poi riceve una chiamata da un “advisor” che la incoraggia a investire, con un importo minimo di 250 euro. La vittima ha poi accesso a un dashboard, con cifre false, che dovrebbe mostrargli l’andamento del suo investimento e incoraggiarlo ad aggiungere ancora più soldi per aumentare i profitti. Quando la vittima tenta di ritirare le vincite, le viene chiesto di depositare ancora più denaro per raggiungere il limite minimo di prelievo e il sistema va avanti così. I truffatori riutilizzano le informazioni anche rivendendole sul dark web. Questi siti di solito scompaiono dopo poco tempo, settimane o mesi” ha poi rincarato ADUC.

L’associazione a tutela dei consumatori ha poi svelato alcune modalità per identificare possibili truffe, spiegando come il primo “campanello d’allarme” sia verificare la sede legale di chi ci fa la proposta, invitando contestualmente a diffidare soprattutto di quelle fuori Ue o Usa.

Per quelle via web invece, ADUC consiglia di verificare le recensioni su siti o forum indipendenti di cui si ha fiducia o conoscenza, mentre per quelle via mail o whatsapp diventa importante: “ignorare i messaggi non richiesti; in caso di dubbio, chiedere al mittente di dimostrare la sua identità con informazioni aggiuntive, e se si va su un sito o altro, mai rispondere a domande; diffidare di chi chiede di effettuare una qualsiasi azione in modo urgente; ignorare la richiesta di installazione di specifiche app; non effettuare la connessione a link sospetti, soprattutto facendo attenzione alla Url, spesso con parole difformi da quello che vantano di essere.”

Secolo Trentino