Politica

“Eccomi qua su Tik Tok” – le prime parole del Cavaliere sul noto social

L’ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi, alla veneranda età di 85 anni, è sbarcato da pochi giorni sul noto social network cinese Tik Tok, che a lui piace chiamare “Tik Tok Tak”.

Per ora ha soltanto 4 video, uno di presentazione, uno dove racconta una barzelletta su se stesso e altri presidenti, uno dove si fa vedere nel camerino dietro le quinte prima di essere intervistato in una trasmissione televisiva, e l’ultimo dove fa una battuta sempre durante una diretta.

Il fatto che un politico abbia creato un profilo su un social network non è una grande novità, soprattutto in periodo di campagna elettorale. In questi giorni, infatti, diversi politici si sono iscritti e hanno cominciato a pubblicare delle brevi presentazioni su se stessi e toccando in seguito dei punti fondamentali del loro programma elettorale.

Una mossa astuta volta a raggiungere quella grande fetta della popolazione che è annoiata dalla televisione, dai telegiornali e dalle trasmissioni di pura demagogia. Una parte della popolazione, cioè, molto giovane, abituata ad un linguaggio molto più immediato e poco formale. I giovani, inoltre, sono quelli forse che più dovrebbero interessarsi alla politica visto che ne va del loro futuro: scuola, istruzione, università, ingresso nel mondo del lavoro sono argomenti di dibattito ad oggi da parte di qualsiasi partito politico.

E così ha deciso quindi anche il Cavaliere, grande maestro nella comunicazione e molto apprezzato per questo motivo. Dedito fermamente alla politica, Berlusconi non solo non molla la poltrona, ma si innova continuamente per arrivare a smuovere sempre più persone a votarlo. I suoi video sono subito diventati virali anche grazie alla sua immancabile ironia, che ha sempre trovato “indispensabile per poter creare dei legami personali, anche nella politica, dove un motteggio o una barzelletta servono per creare simpatia e la diplomazia fatta a braccetto rende di più di quella fredda e formale”.

Migliaia di persone gli hanno lasciato dei mi piace e dei commenti simpatici: se ne trovano infatti veramente pochi contrari o ostili. Infatti, anche se si presenta in giacca e cravatta dietro al suo imponente scrittoio, il suo sorriso ricorda a tutti che alla sua età è ancora impegnato a battersi per certi ideali; tra i tanti, la libertà imprenditoriale, la sicurezza e l’alleggerimento fiscale.

Sono quattro milioni gli elettori tra i 18 e i 25 anni che per la prima volta nella storia repubblicana potranno eleggere i senatori alle prossime elezioni. Solo oggi c’è stato l’esordio TikTok di Silvio Berlusconi, Matteo Renzi e del Pd che hanno raggiunto i ‘veterani’ Matteo Salvini, Giuseppe Conte e Giorgia Meloni. Una settimana fa si era iscritto Carlo Calenda. Pallida l’accoglienza per il numero uno di Italia Viva, con poco più di cinquemila follower racimolati nelle prime ore. Ancora peggio fa il Pd che non raggiunge il migliaio. Mentre è boom del Cavaliere che sfonda la soglia dei 186mila follower piazzandosi al terzo posto fra i capi di partito dopo Salvini (542mila) e Conte (243mila) e prima di Meloni (104mila). 

Melissa Toti Buratti

Secolo Trentino