BATISTUTA E ZANETTI, FORZA ARGENTINA Nella foto: Sara BENCI, Gabriel Omar BATISTUTA, Javier ZANETTI con Mimmo CUGINI, Festival dello Sport Auditorium Santa Chiara Trento, 24 settembre 2022
Sport

“La nazionale argentina in Qatar da favorita”

Gabriel Omar Batistuta e Javier Zanetti, due icone del calcio bianco celeste, sono ottimisti per i Mondiali ormai alle porte. La maturazione complessiva della squadra allenata da Lionel Scaloni e la recente vittoria in Coppa America fanno ben sperare i due ex calciatori sud americani. Proprio l’aver finalmente alzato un trofeo con la maglia della nazionale può aver rappresentato l’ultimo vero salto di qualità per Messi. Di questo e di tanto altro si è parlato in un Auditorium Santa Chiara gremito in ogni ordine di posto.

“Premetto che parlo da tifoso perché il Mondiale è davvero una competizione molto particolare e complessa, però credo che mai come la prossima edizione potrebbe essere quella giusta per noi”. Batistuta non usa certo particolari giri di parole: “Ci presenteremo carichi e quadrati come non mai, aver vinto la Coppa America è stato un viatico davvero importante, ho visto un Messi diverso più sicuro, più centrale e cercato dai propri compagni dentro e fuori dal campo. Anche nelle altre zone del campo siamo completi e competitivi. Certo non manicheranno altre formazioni di grande valore, basti pensare a Brasile, Spagna, Germania e Francia, ma sono comunque ottimista”.
Sulla stessa lunghezza d’onda anche Zanetti: “Sono d’accordo con Gabriel, non ci manca nulla per lo meno sulla carta. Certo poi in un mese possono capitare tante cose ma di certo non dobbiamo invidiare niente a nessuno”.

BATISTUTA E ZANETTI, FORZA ARGENTINA Nella foto: pubblico in sala Festival dello Sport Auditorium Santa Chiara Trento, 24 settembre 2022


Si è poi passati a parlare di alcuni singoli attualmente protagonisti nel campionato italiano: “Lautaro è una scommessa che abbiamo vinto, è stato ingaggiato molto giovane ma la sua crescita è continua – ha commentato il vice presidente dell’Inter -. Certo che c’è stata una trattativa con Dybala, poi però abbiamo virato su Lukaku che al momento ci manca davvero tanto. Per me l’Italia è una sorta di seconda casa mentre l’Inter rappresenta semplicemente la mia famiglia. Sono arrivato molto giovane insieme a Rambert che avrebbe dovuto essere il vero colpo di quel mercato, invece poi ho cominciato a giocare grazie a mister Ottavio Bianchi e non ho più smesso”. Per Batistuta la vera pelle è quella viola: “A Firenze ho comprato casa, ho gli amici e torno spesso sempre con grande piacere. Ho vestito la maglia della Fiorentina per dieci stagioni perché, dopo un primo periodo davvero complicato, ho capito la mentalità e il calore dei tifosi. Ho vinto molto meno di quanto avrei potuto ma credo di aver ugualmente lasciato tanti bei ricordi, il passaggio alla Roma è arrivato quando era già un uomo e un calciatore maturo a mi ha permesso di cucirmi sul petto una scudetto. L’unico rammarico è non esser riuscito a ripagare la fiducia di un gran presidente di un Signore con la S maiuscola come Massimo Moratti. Sono arrivato all’Inter troppo tardi”. Batistuta e Zanetti sono stati poi chiamati a fare un paragone tra Maradona e Messi ed entrambi non hanno avuto alcun dubbio: “Due fenomeni che meritano un 10 a 360 gradi. Continuare con il paragone tra loro due ha davvero poco senso”.

(sf)

Secolo Trentino