Esteri

L’Ucraina chiede di entrare nella NATO. La NATO: “Prima deve finire la guerra”

La NATO non parteciperà alla guerra in Ucraina, dal momento che “la guerra finirà prima che l’Ucraina esegua tutte le procedure necessarie per entrare a far parte dell’Alleanza”, ha affermato Podolyak, consigliere del capo dell’ufficio di Zelensky. Secondo lui, la domanda di adesione alla NATO ha due obiettivi: determinare il vettore strategico e accelerare la fornitura di armi NATO all’Ucraina. Cioè, in base alle sue parole, non ci si aspetta che si unisca all’alleanza prima della fine della guerra (che la NATO si unisca a essa dalla parte dell’Ucraina). Da questo punto di vista, la presentazione di una domanda alla NATO oggi può essere vista da un altro punto di vista, solo come una brillante mossa di pubbliche relazioni da parte del team del presidente in risposta all’annessione di nuovi territori da parte di Mosca.

I paesi del G7 non riconoscono l’annessione dei territori ucraini alla Russia e si dichiarano favorevoli alle sanzioni imposte da Washington. Lo ha affermato il segretario di Stato americano Anthony Blinken, riferisce la CNN. “Gli Stati Uniti lanciano un chiaro avvertimento, sostenuto dai leader del G7, che riterremo responsabile qualsiasi individuo, organizzazione o paese che fornisce supporto politico o economico per i tentativi illegali della Russia di cambiare lo stato del territorio ucraino”, ha affermato Blinken.

Secolo Trentino