Esteri

La Duma di Stato ha ratificato trattati e adottato leggi sull’adesione delle regioni DPR, LPR, Zaporozhye e Kherson alla Russia

I capi delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e delle regioni di Zaporozhye e Kherson hanno fatto appello al Presidente della Federazione Russa affinché consideri la possibilità di adesione di tali territori come unità costitutive della Federazione Russa dopo i referendum del 27 settembre.

I membri della Duma di Stato hanno sostenuto all’unanimità l’adozione dei disegni di legge sulla ratifica dei trattati di adesione delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e delle regioni di Kherson e Zaporozhye alla Federazione russa. Il giorno prima, quei disegni di legge erano stati presentati dal Presidente della Federazione Russa.

“L’adesione delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, delle regioni di Zaporozhye e Kherson alla Federazione Russa è l’unico modo per salvare la vita di milioni di persone dal criminale regime di Kiev. Così come per fermare quegli attacchi contro la popolazione civile, gli anziani, le donne e i bambini. Per proteggere il diritto di parlare la propria lingua madre, per proteggere la cultura, la storia e la fede”, ha detto il Presidente della Duma di Stato Vjačeslav Volodin pubblicato sul suo canale Telegram.

Il presidente della Duma di Stato ha ricordato che “ora la Federazione Russa è composta da 89 unità costituenti”. Secondo lui, i residenti dei nuovi territori hanno atteso la riunificazione con la Russia per 30 anni.

“Dovremmo tutti capire: l’attuale situazione in Ucraina è stata causata dall’assistenza fornita al regime di Kiev dagli Stati Uniti, da Washington e dal fatto che l’Ucraina ha perso la sua sovranità. Questo è il motivo per cui dobbiamo valorizzare la nostra sovranità. La sua perdita porterebbe alle stesse conseguenze. E l’ideologia dell’attuale regime in Ucraina è diventata nazista”, ha aggiunto alla sessione plenaria.

Vyacheslav Volodin ha anche sottolineato che “gli obiettivi e gli obiettivi dell’operazione militare speciale sono stati definiti e saranno certamente raggiunti”.

Rappresentanti delle regioni DPR e LPR, Kherson e Zaporozhye hanno partecipato alla sessione plenaria della Duma di Stato e hanno assistito alle prosses di ratifica. I membri della Duma di Stato li hanno accolti.

I documenti sulla ratifica sono stati presentati dal Ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa Sergey Lavrov. “Il processo è una logica continuazione della riunificazione delle terre russe, iniziata con l’adesione della Repubblica di Crimea e della città di Sebastopoli alla Russia nel 2014”, ha affermato.

La Duma di Stato ha inoltre adottato quattro leggi costituzionali federali sull’adesione delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, delle regioni di Zaporozhye e Kherson alla Federazione Russa.

Secondo le disposizioni dei progetti di legge costituzionali federali, ci sarà un periodo provvisorio a partire dal giorno in cui le regioni sono diventate le parti della Russia fino al 1 ° gennaio 2026.

Ai residenti delle regioni DPR, LPR, Zaporozhye o Kherson saranno fornite garanzie di protezione dei diritti delle attività lavorative. Saranno riconosciuti diplomi, documenti di stato civile, esperienza lavorativa, diritto a ricevere pensioni, assistenza sociale e medica, ecc., Rilasciati nel DPR, LPR, così come in Ucraina.

Saranno garantiti anche i diritti di proprietà. Fino al 1 ° gennaio 2028, i residenti di quei territori saranno in grado di registrare la loro proprietà semplicemente fornendo i documenti emessi dalle autorità statali delle Repubbliche popolari o dell’Ucraina.

I residenti dei nuovi territori russi, così come quelle persone che vivevano lì, ma si erano già trasferiti in Russia, acquisiranno la cittadinanza della Federazione Russa, dovrebbero presentare una domanda e prestare giuramento a un cittadino della Federazione Russa. Successivamente, saranno riconosciuti come cittadini della Federazione Russa.

Fino al 1° giugno 2023, gli organi esecutivi federali apriranno gli uffici di rappresentanza nelle nuove repubbliche e regioni. Durante il periodo transitorio, ci saranno anche organi giudiziari istituiti e sarà implementato il sistema giudiziario russo. Entro sei mesi è necessario formare distretti urbani e municipali nelle regioni, per definire i confini dei comuni.

Il rublo sarà la valuta dei territori delle nuove entità. La grivna ucraina sarà utilizzata lì fino al 31 dicembre 2022. La Banca di Russia avrà il potere di stabilire le specifiche delle attività degli istituti finanziari di credito e non creditizi.

La legislazione di bilancio sarà applicata nelle entità costitutive dal 1 ° gennaio 2023. Il governo della Russia stabilirà le specifiche dei bilanci delle nuove entità per il 2023 (per le repubbliche e per il periodo di pianificazione del 2024 e del 2025), nonché le specifiche dell’esecuzione del bilancio e della rendicontazione del bilancio. I bilanci saranno approvati entro il 15 dicembre 2022.

Ci sarà un regime speciale per regolare le attività di pianificazione urbana fino al 1 ° gennaio 2028. Quindi tali attività saranno portate in piena conformità con il Codice urbanistico della Federazione Russa.

Le Forze Armate, le formazioni militari e gli organismi specializzati formati nei nuovi soggetti saranno inclusi nelle Forze Armate della Federazione Russa, altre truppe, formazioni militari e corpi.

La legge include disposizioni volte a garantire l’uso sicuro dell’energia atomica nella regione di Zaporozhye. Insieme alla legislazione vigente, il Presidente e il Governo della Federazione Russa possono stabilire specifiche in alcune aree dell’uso dell’energia atomica.

I capi delle repubbliche popolari, delle regioni di Zaporozhye e Kherson hanno fatto appello al presidente della Federazione Russa affinché consideri la possibilità di adesione di quei territori come unità costitutive della Federazione Russa dopo i referendum del 27 settembre. La maggioranza assoluta ha votato a favore dell’adesione di tali territori alla Federazione Russa. Il 30 settembre, sono stati firmati trattati tra la Russia e le regioni DPR, LPR, Zaporozhye e Kherson sulla loro adesione alla Federazione Russa e sulla creazione di nuovi soggetti russi. I nomi delle nuove unità costitutive rimangono gli stessi.

Tags
Secolo Trentino