crop unrecognizable housewife placing saucepan on burning stove
Photo by Teona Swift on Pexels.com
Eurozona

Le bollette di dicembre in Germania le paga lo Stato

Le bollette in Germania da chi verranno pagate a dicembre? Dallo Stato, o almeno è quanto emerge su proposta della Commissione per il prezzo del gas. Il premier tedesco Olaf Scholz si prepara a varare la misura una tantum con cui pagare le utenze di tutti i cittadini nell’ultimo mese dell’anno. Dal 2023 diventerà invece operativo un sistema di aiuti più strutturato, che prevede sconti a carico del governo sull’80% dell’energia consumata per le famiglie e sul 70% per le grandi imprese. Un intervento che dovrebbe costare nel complesso 96 miliardi di euro

Secondo gli esperti, il pagamento una tantum dovrebbe essere determinato in base al consumo, che a sua volta è stato la base per l’acconto di settembre. “Questo pagamento una tantum funge da ponte finanziario fino all’introduzione regolare del freno sul prezzo del gas”, afferma il giornale. In base a ciò, i fornitori dovrebbero rinunciare al pagamento anticipato di dicembre per quasi tutti i clienti domestici e commerciali e farlo rimborsare dallo Stato. Lo Stato non si assume le detrazioni per l’industria e le centrali elettriche per la produzione di elettricità.

Dall’inizio di marzo 2023 almeno fino alla fine di aprile 2024 dovrebbe entrare in vigore un freno ai prezzi del gas e del riscaldamento. Per una quantità base di gas, ciò prevede un prezzo lordo garantito dallo Stato, comprensivo di tutte le componenti di prezzo fissate anche dallo Stato, di 12 centesimi per kilowattora.

“Ciò significa che ricevi un sussidio statale sull’anticipo quasi ogni mese”, ha affermato Veronika Grimm , uno dei presidenti del comitato. Al di sopra di questa quota, dovrebbero applicarsi i prezzi di mercato. La quota base dovrebbe essere l’80 per cento del consumo su cui si è basato l’anticipo per settembre 2022″.

Secolo Trentino