Ambiente

Comunità energetiche, risparmio e ambiente salvati, il parere della consigliera Franchino di FdI

FORTEZZA: presentata da FdI mozione per la costituzione di comunità energetiche di fonti rinnovabili per consentire ai residenti risparmi consistenti sul caro bollette. Il Sindaco Klapfer non ritiene vantaggiosa la proposta e la boccia.

Nei mesi precedenti la consigliera comunale Linda Franchino (FdI) ha presentato al sindaco e all’intero consiglio comunale una mozione per la creazione di una comunità energetica di fonti rinnovabili. Possibilità concretamente prevista dalla recente normativa introdotta dal Decreto Milleproroghe che prevede la realizzazione della transizione energetica verde, equa e democratica.

Precisa la consigliera Franchino: “Proprio in un momento storico in cui è fortemente caratterizzante il grave rincaro dei costi dell’energia dovuti alla generale crisi mondiale che quotidianamente mette a dura prova soprattutto le famiglie, risulta doveroso per chi amministra cercare e trovare soluzioni alternative che l’innovazione tecnologica suggerisce per consentire la produzione di energia da fonti rinnovabili da mettere a disposizione della nostra comunità”.

Proprio in questi ultimi tempi si è assistito al proliferare in diverse zone d’Italia non solo di iniziative private ma anche di diversi comuni grandi o piccoli, che proprio sulla base della recente normativa e delle nuove soluzioni tecniche, hanno proceduto ad adottare questa nuova forma associativo-organizzativa non solo per tendere all’indipendenza energetica, ma soprattutto per cercare di ridurre i costi lievitati fino all’inverosimile delle bollette che pressano le famiglie soprattutto quelle con reddito medio-basso. Secca la risposta del Sindaco Klapfer il quale non ritiene che l’uso di fonti di energie alternative, come ad esempio del fotovoltaico, possano comportare alcun vantaggio o risparmio per le famiglie dei residenti. “Singolare la presa di posizione del Sindaco e dei consiglieri di maggioranza”, replica la Franchino che osserva come iniziando proprio dal comune di Fortezza ci siano già iniziative di privati che stanno utilizzando i vantaggi soprattutto economici del fotovoltaico, ma anche lo stesso comune nella ristrutturazione dell’edificio Pluriuso ha già provveduto in tempi non sospetti a collocare pannelli solari avvalendosi anch’esso dei vantaggi economici conseguenti alla produzione autonoma di energia.

Per non dire dell’impiego massiccio di fotovoltaici sui tetti del piccolo comune di Mules e di privati di Le Cave. Eclatante in tal senso è poi la linea del comune di Brunico che ha avviato la campagna “un pannello fotovoltaico gratis per tutti” ed infine si ricorda la costituzione della cooperativa di questo genere Otzi di Bolzano. Conclude sulla vicenda la consigliera Franchino “certamente è in controsenso, la presa di posizione del nostro sindaco che a fronte dei consistenti rincari che comporta l’aumento dell’energia non ritiene nemmeno di ricercare soluzioni alternative che possano non solo alleggerire economicamente tutti i residenti, ma che potrebbero anche porsi come una spinta da un punto di vista dell’aumento abitativo di un territorio che è e che continua ad essere in forte sofferenza”. Comunque vista l’importanza della questione FdI continuerà a spingere in tal senso al fine di trovare soluzioni condivise a tutela e vantaggio di tutti gli abitanti del nostro comune, auspicando un serio ripensamento del sindaco.

Tags
Secolo Trentino