Società

Natalità, Fugatti lancia il bonus di 5 mila euro per le famiglie con più di due figli

Un contributo economico una tantum di 5mila euro per le famiglie con più di due figli, riconosciuto all’arrivo del terzo nato o dei successivi. È la misura che sarà introdotta in via sperimentale dal 2023 dalla Provincia autonoma di Trento, rivolta a sostenere la creazione di famiglie numerose. Nella convinzione, supportata dai dati, che sono proprio i nuclei con più di due figli ad essere una delle risorse per rispondere all’inverno demografico. È quanto hanno anticipato oggi il presidente Maurizio Fugatti e l’assessore alle politiche sociali Stefania Segnana, in occasione della conferenza stampa sulla dote finanziaria alle giovani coppie.

Si tratta dunque di un nuovo “provvedimento sperimentale per gli anni a venire”, come ha specificato il presidente. L’intento, prosegue Fugatti, è “dare strumenti per favorire nuove nascite, facilitando ad esempio il passaggio dal secondo al terzo figlio, se ciò naturalmente rientra nei progetti di vita delle famiglie. Siamo infatti convinti – aggiunge il presidente – che se forniamo un supporto ai nuclei per realizzare i propri progetti di vita in un contesto favorevole, vedi l’iniziativa Family friendly sul quale il Trentino è apripista, le famiglie rispondono favorevolmente”.

E il ruolo giocato dai nuclei numerosi (tecnicamente quelli con tre o più figli) in questi anni è testimoniato dai dati sulla loro crescita: erano il 10,7% del totale in Trentino nel 2010, sono saliti al 13,7% nel 2020 e al 14,6% nel 2021 (fonte Ispat), con un aumento di quasi un punto percentuale in un anno. Per fare un raffronto, a livello nazionale si è passati dal 10,3 al 10,4% (stesso dato nel 2020 e 2021). Inoltre, i dati dicono che negli ultimi anni sono diminuite le famiglie con un figlio (dal 44,6% del 2010 al 38,5% del 2021), mentre sono aumentate le famiglie con due figli (nello stesso intervallo, dal 44,7% al 46,9%).Numeri che testimoniano che le politiche per la natalità, come quelle promosse in provincia di Trento, possono incidere.

C’è infine un altro dato che fa ben sperare, come ha precisato l’assessore Segnana nella conferenza stampa. Nel 2021 i nuovi nati in Trentino sono stati 3.948, 48 in più del 2020. “Un segnale positivo – ha detto – che indica che i giovani hanno più fiducia nel futuro. Un simbolo di ripresa e di speranza rispetto agli anni passati”.

L’intervento sul bonus per le famiglie numerose si aggiunge a quello, attivato altrettanto sperimentalmente nel 2022 e confermato in finanziaria per il 2023 denominato “dote finanziaria dei giovani”, riservato agli Under 40 che escono dalla famiglia di origine per un progetto di vita autonomo.

Secolo Trentino