Attualità Post-it Vannucci

Il Post-It di Marco Vannucci: Forza, Campione, regalaci un altro sogno.

Cristo, Gian Luca, che stai facendo? Ti scrivo oggi per il mio rifiuto mentale di farlo prima, per non farlo mai, ma casomai per continuare esaltando le tue gesta sportive future e non altro.

Non scrivo “il coccodrillo” su chi mi ha regalato emozioni infinite con i suoi gesti atletici, lascio ad altri il patetico requiem. Scrivo di te usando il familiare tu, seppure ti abbia visto solo al di là di una rete di recinzione di un campo di calcio oppure davanti alla TV, ma sinceramente non posso dare del “lei” a chi, come tifoso, ho sempre dato del tu.

Mi succede con te come con Riva, Rivera, Baggio, Antognoni, Baresi, Barontini, ovvero con tutti coloro capaci di avere infiammato il mio cuore. Non sei solo un campione del calcio, ma rappresenti la rivincita di ogni ragazzo italiano nella volontà del migliorarsi sempre, e tu lo hai dimostrato uscendo dalla nebbia di Cremona per approdare al mare di Genova, in quella meraviglia che fu la Samp di Paolo Mantovani, dove insieme all’amico fraterno “Mancio” regalasti lo scudetto a chi poteva solo sognarlo. Ed una finale della coppa dei Campioni rimasta nella leggenda. Poi fu la volta della Juve, dove vincesti tutte le competizioni, ma rimanendo sempre “il ragazzo di Cremona”.

Scusami, Gian Luca, non riesco ad immaginarti in un letto di ospedale, seppure esso sia un Hospital lux di Londra, gli ospedali sono tutti grigi mentre tu sei un Azzurro e con il grigio stona. Rialzati presto, Gian Luca, l’Azzurro ti aspetta per regalare, a tutti noi, ancora un’emozione.

Marco Vannucci

Secolo Trentino