Società

Itea: stop alla rivalutazione automatica dei canoni sostenibili

Oggi la Giunta provinciale, su proposta dell’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana, ha stabilito che Itea spa non aggiorni alla rivalutazione Istat i canoni sostenibili e oggettivi degli alloggi sociali riferiti all’anno 2023. “Con questo nuovo provvedimento rivolto ad Itea puntiamo a limitare per il 2023 l’ulteriore aumento degli importi dei canoni di locazione, che deriverebbe dall’aggiornamento Istat – spiega l’assessore Segnana. L’obiettivo è supportare i nuclei assegnatari degli alloggi Itea, sui quali già gravano gli aumenti dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale, che hanno un forte impatto sulle spese condominiali”.


Quanto a queste ultime – anche con riferimento agli articoli comparsi oggi sulla stampa – la Provincia conferma il proprio impegno a valutare l’attivazione di propri interventi qualora la situazione di difficoltà permanesse tale anche nei prossimi mesi. 
Va ricordato in ogni caso che, a fronte di affittuari non in grado di pagare il canone per motivazioni oggettive, Itea, in qualità di proprietario dell’alloggio, interviene pagando le spese condominiali degli inquilini morosi, ferma restando l’azione di rivalsa nei confronti degli stessi.
Secolo Trentino