Il gabbiano fatto esplodere per “gioco” con petardo legato al collo

0
22

Gli spietati autori di questo perverso “gioco” pubblicano il filmato sui social e partono subito le indagini. LNDC sporge denuncia e invita tutti a emarginare e denunciare le persone che commettono ogni tipo di violenza verso gli animali.

Non è stata una bravata né tantomeno un incidente. Quello che è successo a bordo di un peschereccio in Sardegna è stato un atto di vera e propria crudeltà premeditata e gratuita, a opera di chi evidentemente è talmente abituato a togliere la vita da non avere più nessun rispetto per essa. Qualche giorno fa, dei pescatori sardi hanno catturato un gabbiano, gli hanno legato al collo un petardo, hanno acceso la miccia e lo hanno lasciato volare via ed esplodere mentre cercava di tornare dal suo stormo. A riprova di quanto fosse divertente per loro la cosa, hanno filmato il tutto e lo hanno pubblicato sui social network, con tanto di risatine compiaciute.

I Carabinieri hanno avviato subito le indagini e, stando ad alcune notizie, sembrerebbe che abbiano già individuato i responsabili di questo gesto crudele e vigliacco. Ricordiamo che l’art. 544-bis del Codice Penale punisce “chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale” con la reclusione da quattro mesi a due anni. Il gabbiano reale, inoltre, è particolarmente tutelato dalla Legge 157/92 oltre che dalla Direttiva Uccelli (Direttiva n. 79/409/CEE relativamente alla conservazione degli uccelli selvatici).

Lega Nazionale per la Difesa del Cane ha dato il via alle procedure per denunciare gli autori di questa violenza inaudita e confida che la magistratura applichi il massimo della pena, per dare un chiaro segnale che questi comportamenti incivili e criminosi non possono essere più tollerati. LNDC invita inoltre tutti a emarginare e denunciare sempre chi commette queste violenze perché, nella maggior parte dei, come testimoniano numerosi studi, si tratta di persone sadiche che non hanno scrupoli nel passare dalla violenza sugli animali a quella verso gli altri esseri umani.

Comments

comments