Oggi parte il primo meeting internazionale delle cacciatrici trentine

Le cacciatrici inizieranno ad arrivare domani a Trento da tutta Italia, attesa anche una delegazione ungherese, per partecipare al primo meeting internazionale cacciatrici trentine. Sarà una 3 giorni di dialogo e approfondimento sul tema della caccia che proseguirà fino a domenica.

L’evento clou si terrà oggi a Riva del Garda con la tavola rotonda “Pianeta caccia – Cacciatrici: leonesse o gazzelle”, ma ci saranno anche visite guidate alla scoperta del territorio, gare di tiro, gemellaggi e la premiazione del concorso artistico letterario “Predatori…le intemperie cancelleranno le nostre impronte”.

Alla tavola rotonda “Pianeta caccia – Cacciatrici: leonesse o gazzelle”che si terrà dalle ore 9.30 al Pala Lido di Riva del Garda, prenderanno parte:

SANDRO FLAIM, presidente Uncza (Unione Nazionale Cacciatori Zona Alpi)

DIEGO VASSALLI presidente Sact (Società amatori cani da traccia)

ELISA PICCI, esperta tutela e gestione delle risorse faunistiche

IVANO ARTUSO ricercatore e docente di Biologia, vicedirigente Dipartimento di Supporto alla Didattica e all’Orientamento Fondazione Mach

MARCO RAMANZINI direttore responsabile rivista Il Cacciatore

E naturalmente sarà presente tutto il mondo venatorio trentino.  Dice Eddi Titta, presidente delle Cacciatrici Trentine: “Un titolo provocatorio quello pensato per la tavola rotonda, per discutere e uscire dagli stereotipi che vogliono le donne indifese come gazzelle o grintose come leoni. Il mondo della caccia si sta aprendo con fatica alla presenza femminile, ma nonostante questa diffidenza il numero delle cacciatrici sta aumentando di anno in anno. Con questo meeting vogliamo iniziare a creare una rete venatoria internazionale perché, soprattutto se parliamo di fauna migratoria, va adottato un linguaggio comune”.