Orso M49: Coldiretti scende in piazza a difesa della Giunta

Circa 1500 persone, fra agricoltori ed allevatori di Coldiretti, hanno manifestato oggi a Trento, chiedendo azioni concrete per la gestione dei grandi carnivori in Trentino, la cui presenza mette a serio rischio le attività agricole e zootecniche che si svolgono in montagna. Una manifestazione a cui ha aderito anche la Giunta provinciale, presente in piazza con il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, con il vicepresidente Mario Tonina e con l’assessore all’agricoltura Giulia Zanotelli. 

“Noi abbiamo bisogno di manifestazioni come queste – ha detto Fugatti – perché ci aiutano a far comprendere a tutti i trentini, ma soprattutto a chi sta fuori, quanto sia grave la situazione per l’agricoltura di montagna. Vi ringraziamo – ha aggiunto Fugatti – perché avete perso una giornata di lavoro per venire oggi a Trento a ribadire quanto sia diventato difficile il vostro lavoro. Ci aiutate così a far comprendere che la convivenza con i grandi carnivori, così come ce la vogliono imporre, con i numeri di orsi e lupi presenti sul territorio, non può più essere tollerata.
Stiamo lavorando per ottenere una gestione diretta dei grandi carnivori e a breve il tema sarà trattato dalla Commissione dei Dodici, appena insediata, che lavorerà ad una specifica norma di attuazione. Sappiamo che non sarà un percorso facile, ma dobbiamo farlo e lo faremo anche con le altre regioni del nord. Ci sono azioni di breve periodo, come quella su M49, di cui ci siamo assunti la responsabilità per la prima volta senza che attaccasse l’uomo e ci sono azioni di lungo periodo. Per riuscirci abbiamo bisogno del vostro sostegno, di fare gioco di squadra, grazie davvero – ha concluso il presidente – il Trentino ha bisogno di voi”. 

Parole riprese dal vicepresidente Tonina. “Siamo al vostro fianco – ha detto – perché sappiamo che la convivenza con lupo e orso non sia possibile all’interno dei territori di montagna. Tutto quello che abbiamo costruito in questi anni, gli equilibri raggiunti, sono oggi a rischio. Dobbiamo intervenire prima che sia troppo tardi. Questa manifestazione ci darà forza per proseguire nell’impegno che abbiamo intrapreso per rivendicare una gestione locale del problema”. 

“Se vogliamo preservare e valorizzare l’agricoltura e la zootecnia sulle nostre montagne – ha detto l’assessore Zanotelli – dobbiamo lavorare tutti insieme per fare in modo che ci venga data la possibilità di gestire orsi e lupi. La politica negli ultimi mesi non si è mai nascosta, abbiamo affrontato con il mondo agricolo queste tematiche e con i ministri di riferimento. Molti parlano senza conoscere realmente il problema, ma siete voi quelli che quotidianamente portano avanti l’agricoltura sul nostro territorio e noi continueremo ad appoggiarvi e nel contempo vi chiederemo di affiancarci in questa battaglia, che non sarà certo facile”.